calcolatore elettronico

Article

June 29, 2022

Un computer elettronico (noto anche come computer) è un dispositivo che utilizza la tecnologia elettronica digitale per eseguire automaticamente qualsiasi sequenza di operazioni aritmetiche o logiche secondo una serie di istruzioni. I computer generici sono in grado di eseguire una gamma estremamente ampia di attività grazie alla loro capacità di seguire un insieme generale di operazioni chiamate "programmi". I computer sono utilizzati come sistemi di controllo per varie apparecchiature industriali e di consumo. Ciò include semplici attrezzature per scopi specifici (come forni a microonde e telecomandi), attrezzature industriali (come robot industriali e progettazione assistita da computer) e attrezzature per scopi generici (come dispositivi mobili come personal computer e smartphone). Sebbene ci siano molti tipi di computer, secondo la teoria della macchina di Turing, un computer con funzioni di base dovrebbe essere in grado di realizzare tutto ciò che altri computer possono fare. Pertanto, in teoria, tutto, dagli smartphone ai supercomputer, dovrebbe essere in grado di completare le stesse attività (indipendentemente dal tempo e dai fattori di archiviazione). A causa del rapido progresso della tecnologia, la prossima generazione di computer supererà sempre in modo significativo le prestazioni della generazione precedente.Questo fenomeno viene talvolta definito "legge di Moore". Attraverso Internet, i computer sono collegati tra loro, il che aumenta notevolmente la velocità dello scambio di informazioni, che a sua volta favorisce lo sviluppo della scienza e della tecnologia. Nel 21° secolo, l'applicazione dei computer ha coinvolto tutti gli aspetti e tutti i ceti sociali. Sin dai tempi antichi, semplici dispositivi manuali, come un abaco, hanno aiutato le persone a eseguire calcoli. Nei primi giorni della rivoluzione industriale, tutti i tipi di macchinari apparvero con l'intenzione originale di completare automaticamente compiti lunghi e noiosi, come i modelli di tessitura dei telai. Macchine più complesse sono apparse all'inizio del XX secolo e utilizzavano circuiti analogici per eseguire calcoli complessi e specifici. Il primo computer elettronico digitale è apparso durante la seconda guerra mondiale. Da allora, la velocità, il consumo energetico e la versatilità dei computer hanno continuato ad aumentare. Nei tempi moderni, l'applicazione dei computer meccanici è stata completamente sostituita dai computer elettronici. I computer variano nella composizione. C'è ancora un gran numero di enormi supercomputer che servono speciali calcoli scientifici o esigenze di elaborazione delle transazioni per le grandi organizzazioni. Quelli relativamente piccoli progettati per applicazioni personali sono chiamati personal computer (PC), che in Cina vengono chiamati "microcomputer". Oggi, il termine "computer" viene solitamente utilizzato per riferirsi a questo, ma ora la forma più comune di applicazione informatica è incorporata.I computer incorporati sono generalmente relativamente semplici e piccoli e vengono utilizzati per controllare altre apparecchiature, che si tratti di un aeroplano, Robot industriali o fotocamere digitali. La ricerca tecnica relativa ai computer è chiamata informatica e "tecnologia informatica" si riferisce alla combinazione di molti risultati tecnici ed empirici derivati ​​dall'applicazione dei risultati dell'informatica alla pratica ingegneristica. "Tecnologia informatica" e "informatica" sono due concetti correlati ma diversi, la differenza tra loro è che il primo enfatizza la pratica e il secondo enfatizza la teoria. Per quanto riguarda la ricerca incentrata sui dati, si chiama tecnologia dell'informazione. Tradizionalmente, i computer moderni contengono almeno un'unità di elaborazione (di solito un'unità di elaborazione centrale (CPU)) e una qualche forma di memoria. L'elemento di elaborazione esegue operazioni aritmetiche e logiche e l'unità di smistamento e controllo può modificare l'ordine delle operazioni in risposta alle informazioni memorizzate. I dispositivi periferici includono dispositivi di input (tastiera, mouse, joystick, ecc.), dispositivi di output (schermo, stampante, ecc.) e dispositivi di input/output che svolgono due funzioni (come i touch screen). Le apparecchiature periferiche consentono di recuperare informazioni da fonti esterne e di salvare e recuperare i risultati delle operazioni.

Storia

In origine, la parola inglese originale "computer" si riferisce a una persona impegnata nel calcolo dei dati. E spesso hanno bisogno di apparecchiature informatiche meccaniche o computer analogici. Gli antenati di questi primi dispositivi di calcolo includono l'abaco e il macchinario di Antikythera utilizzato dagli antichi greci per calcolare i movimenti planetari risalenti all'87 a.C. Con la prosperità della matematica e dell'ingegneria europee alla fine del Medioevo, nel 1623, l'erudito tedesco Wilhelm Schickard assunse la guida dello sviluppo del primo dispositivo informatico europeo, che era in grado di aggiungere e sottrarre numeri entro sei cifre e fornire risposte tramite campane "Calcolo dell'orologio". Utilizzare ingranaggi rotanti per operare. Nel 1642, il matematico francese Brysch Pascal migliorò il "regolo calcolatore" fatto dal matematico britannico William Oughtred per consentire il conteggio a otto cifre.