spagnolo

Article

June 26, 2022

Lo spagnolo (español), noto anche come castellano (castellano) o antico confucianesimo, è una lingua del gruppo iberico-romanza delle lingue romanze e secondo alcune fonti la 4a lingua più diffusa al mondo, mentre altre la elencano come seconda o terza lingua più popolare È la lingua madre di circa 352 milioni di persone ed è parlata da 417 milioni di persone quando si aggiungono utenti come lingua secondaria (stimata nel 1999). C'è chi sostiene che sia possibile pensare allo spagnolo come alla seconda lingua più importante al mondo, dopo l'inglese, forse più importante del francese, in quanto è sempre più utilizzato negli Stati Uniti, a causa degli alti tassi di natalità nei paesi in cui lo spagnolo è la lingua ufficiale, all'espansione delle economie nel mondo di lingua spagnola, all'influenza dello spagnolo nel mercato musicale globale, per l'importanza della letteratura spagnola e perché è usata in così tante parti del mondo. Lo spagnolo è parlato principalmente in Spagna, Nord America, Sud America e Guinea Equatoriale.

Gruppo linguistico e lingue correlate

Lo spagnolo è strettamente imparentato con le lingue dell'Iberia orientale: Asturie (asturianu), ladino (Djudeo-espanyol, sefardí), catalano (català) e portoghese (português). Lo spagnolo e il portoghese hanno grammatica e vocabolario molto simili; Il numero di vocaboli simili di queste due lingue arriva fino all'89%.

Confronta le parole

Sistema di scrittura

Lo spagnolo si scrive in caratteri latini, con l'aggiunta di una lettera "ñ" (eñe), che si legge /ɲ/ ("nh" in vietnamita) ed è considerata derivata da "" n", anche se scritta come una "n " con una tilde (~) sopra. Le lettere composte "ch" (che) e "ll" (elle) sono trattate come lettere singole, hanno il proprio nome e sono una lettera dell'alfabeto, perché ogni lettera rappresenta una sillaba diversa ( /tʃ/ e /ʎ/) rispettivamente. Tuttavia, la legatura "rr" (erre doble, doppia "r", o semplicemente "erre" invece di "ere"), che rappresenta anche un singolo /r/ suono, non è considerata una singola lettera. Quindi l'alfabeto spagnolo ha 28 lettere (sarebbero 29 se contiamo la lettera "w", ma è usato solo nei nomi stranieri e nei prestiti linguistici): a, b, c, ch, d, e , f, g, h, io, j, k, l, ll, m, n, ñ, o, p, q, r, s, t, u, v, (w), x, y, z.ó Dal 1994, le due legature di cui sopra sono state divise in due lettere separate per la disposizione. Le parole con la lettera "ch" sono ora disposte in ordine alfabetico tra "ce" e "ci", invece che tra "cz" come prima, così come la lettera "ll". Tuttavia, le parole "che" (ch) ed "elle" (ll) sono ancora usate colloquialmente. Fatta eccezione per le parole locali come in Messico, la pronuncia può essere specificata durante l'ortografia. Una tipica parola spagnola è accentata sulla penultima sillaba se termina con una vocale (diversa da "y") o se termina con le consonanti "n" e "s"; in altri casi accenti sull'ultima sillaba. Le eccezioni sono indicate da un accento sulla vocale. In quel momento, le vocali con accenti saranno accentate. Vengono utilizzati anche accenti cromatici