San Mattia

Article

May 29, 2022

Matthias (Koine greco: αθθίας, Maththías, dall'ebraico מַתִּתְיָהוּ Mattiṯyāhū; copto: ⲙⲁⲑⲓⲁⲥ; morto intorno all'80 d.C.) secondo il Libro degli Atti (scritto intorno all'80–90 d.C.) fu l'apostolo accreditato scelto per sostituire il tradimento di Giuda Iscariota Gesù e la successiva morte di Giuda. Chiamarlo apostolo è unico perché non fu riconosciuto personalmente da Gesù (che ora era asceso al cielo) e lo fece anche prima della discesa dello Spirito Santo sulla Chiesa primitiva.

Biografia

Mattia non è menzionato nell'elenco dei discepoli o seguaci di Gesù nei tre Vangeli sinottici, ma secondo il Libro degli Atti, era con Gesù dal battesimo di Giovanni fino a quando Gesù ascese al cielo. Nei giorni seguenti, Pietro suggerì che i discepoli si riunissero, in numero di circa 120, per nominare due persone al posto di Giuda. Scelsero Giuseppe detto Basaba (il loro nome era Giusto) e Mattia. Poi hanno pregato: "Il Signore, che conosce il cuore di tutti gli uomini, saprà se questi due hanno scelto, che può unirsi a questo apostolato, poiché Giuda ha peccato, e potrebbe andare al suo posto". (Atti 1:24-25) Poi misero a caso il numero che era caduto su Mattia; Così, è annoverato tra gli undici apostoli già esistenti.Non si trovano ulteriori informazioni su Mattia nel canonico Nuovo Testamento. Anche il suo nome è soggetto a modifiche: la versione siriaca di Eusebio lo chiama non Mattia ma "Tolmai", da non confondere con Bartolomeo (che significa Figlio di Tolmai), uno degli originari Dodici Apostoli Acqua; Clemente di Alessandria una volta si riferì a Zaccheo in un modo che può essere letto come suggerendo che alcuni lo abbiano identificato con Mattia; Clementine Recognitions identifica Matthias come Barnaba; Il teologo Hilgenfeld pensa che Matthias sia la stessa persona di Natanael nel Vangelo di Giovanni.

Predica

Secondo la tradizione greca, San Mattia riponeva la sua fede in Cappadocia e risiedeva principalmente nei pressi del porto di Isso, sulle rive del Mar Caspio. Secondo Niceforo (Historia eccl., 2, 40), Mattia originariamente predicava il Vangelo in Giudea. , poi in Etiopia (nella regione della Colchide, ora in Georgia) e lapidato a morte. Gli Atti di Andrea e Mattia, un residuo dei copti, collocano similmente la sua attività nella "città dei cannibali" in Etiopia. Un indicatore posto tra le rovine della fortezza romana di Gonio (Apsaros) nella regione di Adjara nella moderna Georgia afferma che Mathhia fu sepolta in quel sito. Tuttavia, questa affermazione deve ancora essere verificata in quanto il governo georgiano non ha ancora autorizzato lo scavo del sito. La sinossi di Dorotheus contiene questa tradizione: "Matthias predicò il Vangelo ai barbari e ai mangiatori. carne nell'interno dell'Etiopia, al porto marittimo di Isso, alla foce del fiume Fasi. Morì a Sebastopoli e lì fu sepolto, vicino al Tempio del Sole." Inoltre, un'altra tradizione sostiene che Mattia fu lapidato a Gerusalemme dalla gente del posto e poi decapitato (vedi Tillemont , Mémoires pour servir à l'histoire ecclesiastique des six premiers siècles, I, 406.7). Secondo Ippolito di Roma,