Capodanno laotiano

Article

June 27, 2022

Il capodanno laotiano (laotiano: ປີໃຫມ່ລາວ; traslitterazione: Bunpimay, Pi Mai, Pee Mai, Koud Song Kane o Bunhot Nam) si svolge dal 14 al 16 aprile di ogni anno. Questo è Tet secondo il calendario buddista perché in Laos il buddismo è diventato da tempo la religione nazionale. Le persone spruzzano acqua per pregare per la buona fortuna e la pace per tutto l'anno. Come il popolo della Thailandia e della Cambogia, il festival Bunpimay ha lo scopo di portare freschezza, prosperità a tutte le cose, felicità e purezza, per purificare la vita delle persone. Bunpimay è un'occasione per coltivare e coltivare l'arte nazionale.

Origini festive

Attualmente, il capodanno laotiano si celebra ogni anno dal 13 al 16 aprile del calendario solare, quando il cielo è alto e i grandi fiumi sono pieni d'acqua, a simboleggiare un nuovo anno con molte benedizioni. Tet Bunpimay si svolge in tre giorni. Il primo giorno è anche l'ultimo giorno dell'anno vecchio, la gente pulisce la casa nel vicolo. Il secondo giorno non viene preso in considerazione perché è l'intervallo tra il vecchio e il nuovo anno. Il festival è iniziato l'ultimo giorno con molte attività esultanti ovunque. L'ultimo giorno è anche la fine della luna. Durante questi tre giorni i laotiani hanno il giorno libero, non lavorano né svolgono attività commerciali.

Origine del Bunpimay Festival

Il primo giorno di Capodanno del Laos si celebra il primo giorno di gennaio. Tuttavia, era inverno, non adatto all'usanza degli schizzi d'acqua, quindi questa giornata è stata spostata nel periodo più caldo dell'anno. Questo è anche il momento in cui il giorno è solitamente più lungo della notte, il giorno più lungo può essere di 14 ore e 24 minuti. Secondo gli storici laotiani, gli antenati laotiani provenivano dalla Cina meridionale e furono profondamente influenzati dalla cultura indiana, quindi il giorno, il mese e l'anno furono presi in base all'India. In particolare, il capodanno laotiano è ispirato dal popolo mon e khmer. Gli indiani apprezzano il momento in cui il giorno è più lungo della notte e lo chiamano Watthanasagn, che significa "molta ombra". Poi il sole sorge al nord e inizia la stagione delle piogge, che è più favorevole per l'agricoltura rispetto alle altre stagioni dell'anno. Inoltre, il capodanno laotiano deriva anche da una leggenda sulla battaglia mentale tra Thammabane e Kabinlaphom. Nei tempi antichi, prima della nascita del buddismo, c'era un ricco contadino di nome Thmmaphala o Thammabane che era molto arguto e capiva il suono degli uccelli. Thammabane viaggia spesso ovunque per insegnare la conoscenza. A quel tempo, la gente considerava ancora Kabinlaphom, il dio del cielo, il più saggio. Quando ha sentito che Thammabane era una persona molto esperta sulla terra, Kabinlaphom voleva competere con Thammabane. Ha posto tre domande a cui Thammabane potesse rispondere, se Thammabane avesse potuto rispondere, Kabinlaphom avrebbe dovuto offrire la sua testa e viceversa. Queste tre domande sono: Dov'è concentrato lo spirito umano al mattino? Dove si concentra lo spirito umano nel pomeriggio? Dov'è concentrato lo spirito umano la sera? Thammabane non poté rispondere immediatamente, ma chiese a Kabinlaphom altri nove giorni. Thammabane cercò di pensare ma non riuscì ancora a trovare una risposta. Passarono tre giorni, troppo stanco, si addormentò sotto la palma quando sentì la coppia di aquile parlare sopra la sua testa. La moglie aquila chiese: "Cosa mangeremo domani?". Il marito aquila ha risposto: "Non preoccuparti, mangeremo Thammabane, perché non saprà rispondere a 3 domande.