Nome giapponese

Article

June 26, 2022

I nomi giapponesi moderni (日本人の氏名 (giapponese per il nome), Nihonjin no Shimei) di solito includono il cognome (姓 (せい) (Calcolo), sei) prima, il nome proprio (名 (めい)) (sostantivo), mei) è dietro. Questo ordine di denominazione è comune ai paesi nell'area di influenza culturale cinese come la Corea e il Vietnam. In Giappone, i secondi nomi sono usati raramente. I nomi giapponesi sono solitamente scritti in kanji, il tipo di kanji usato in Giappone e pronunciato secondo il dialetto giapponese (questa lettura è kun'yomi (訓読み (addestramento al veleno), kun'yomi)). Poiché i nomi scritti in kanji sono pensati per essere letti, non per suoni, un singolo kanji in un nome ha spesso molte pronunce diverse in giapponese, ma molti genitori possono nominare i bambini con due serie di caratteri: suoni hiragana e katakana. I nomi scritti in hiragana e katakana sono interpretati solo foneticamente (che rappresentano la lettura), mancando quindi il significato visivo dei nomi espressi in kanji (questo è simile ai nomi vietnamiti attualmente non disponibili) scritti in caratteri Han-Nom aggiuntivi, insieme al fatto che Quoc Ngu può rappresentare solo suoni, provocando omofoni con significati diversi, causando incomprensioni nei nomi). Attualmente in Giappone ci sono circa 100.000 cognomi in uso. I cognomi più diffusi oggi in Giappone sono Satō (佐藤, Satō), Suzuki (鈴木 (Ling Wood), Suzuki), Takahashi (高橋 (Cao Kieu), Takahashi), Katō (加藤). Katō). Questa diversità è in netto contrasto con altri paesi della stessa cultura dell'Asia orientale, riflettendo una distinta storia giapponese: mentre il cognome cinese è stato usato per migliaia di anni e spesso riflette l'intero set di un clan o figlio adottivo di una famiglia benestante (con o senza legami genetici) - e da allora è stato diffuso in Corea e Vietnam attraverso i nomi di mandarini o ricchi; La stragrande maggioranza dei cognomi giapponesi moderni risale solo al diciannovesimo secolo, in seguito alle riforme Meiji degli anni '70 dell'Ottocento, e sono stati scelti a piacimento. La recente introduzione dei cognomi giapponesi ha avuto due effetti aggiuntivi: i nomi giapponesi sono diventati popolari man mano che la popolazione del paese è cresciuta (più di 30 milioni di abitanti durante il primo periodo Meiji - vedi Imperial Demographics). nazione del Giappone) rispetto ai numeri passati (ad esempio, 1 d.C. la popolazione stimata era di 300.000 - vedi Demografia del Giappone prima del periodo Meiji), e poco dopo, nomi I cognomi giapponesi non sono quasi mai estinti come è successo nel corso della storia in Cina. Anche i cognomi giapponesi compaiono più o meno a seconda della regione, come Chinen (知念 (Tri). Nen), Chinen), Higa (比嘉 (belga), Higa) e Shimabukuro (島袋 (Great Island), Shimabukuro) sono comuni ad Okinawa mentre non in altre regioni; ciò è dovuto principalmente alla differenza tra la lingua e la cultura del popolo Yamato e quello di Okinawa. Molti cognomi giapponesi si basano su immagini rurali influenzate dallo shintoismo come Ishikawa (石川, Shichuan), Ishikawa) che significa fiume di roccia, Yamamoto (山本 (Son Ban), Yamamoto) che significa fiume di roccia, collina, Inoue (井上 (provincia superiore). ), Inoue) significa sulla bocca del pozzo