Article

May 25, 2022

La Cronologia della Chimica elenca le importanti opere, scoperte, idee, invenzioni ed esperimenti che hanno drasticamente cambiato la comprensione umana della moderna scienza della chimica, definita come lo studio scientifico della composizione della materia e delle sue interazioni. Si ritiene che la storia della chimica moderna inizi con lo scienziato irlandese Robert Boyle, sebbene le sue origini possano essere fatte risalire ai primi tempi conosciuti dall'uomo. Le idee originali che in seguito sono entrate nella chimica moderna provenivano da due fonti principali. I filosofi naturali (come Aristotele e Democrito) usavano la logica deduttiva per spiegare il funzionamento del mondo che li circondava. Gli alchimisti (come Geber e Rhazes) erano persone che usavano tecniche sperimentali per tentare di prolungare la vita o per eseguire trasformazioni fisiche, come trasformare i metalli di base in oro. Nel XVII secolo, una sintesi delle idee di questi due metodi, deduttivo e sperimentale, ha portato allo sviluppo di un processo di pensiero noto come metodo scientifico. Con l'emergere del metodo scientifico, è nata la chimica moderna. Conosciuta come la "scienza centrale", lo studio della chimica influenza e influenza fortemente molte altre aree della scienza e della tecnologia. Molti degli eventi che sono fondamentali per la nostra comprensione della chimica oggi sono anche considerati importanti scoperte in campi come la fisica, la biologia, l'astronomia, la geologia e lo studio dei materiali scientifici.

Prima del XVII secolo

Prima dell'accettazione del metodo scientifico e della sua applicazione nel campo della chimica, c'era qualche controversia sul fatto che molte delle persone elencate di seguito fossero "chimici" nel senso moderno della parola, questo o no. Tuttavia, qui sono elencate le idee di alcuni grandi pensatori, sia per il loro successivo significato predittivo, sia per la loro lunga e diffusa accettazione. 3000 aC Gli egiziani formularono gli Ogdownload, o "forze primordiali" che componevano tutte le cose. Questi sono gli otto elementi del caos ed esistevano prima del Sole. 1200 aC Tapputi-Belatikallim, profumiere e chimico, è menzionato in una tavoletta cuneiforme in Mesopotamia 450 aC Empedocle afferma che tutte le cose sono costituite da quattro elementi primordiali: terra, acqua, fuoco e acqua, secondo i quali due stati opposti, amore e odio, o simpatia e avversione, operano secondo questi elementi, combinandoli e scomponendoli in forme estremamente diverse.Nel 440 aC Leucippo e Democrito proposero l'idea dell'atomo, una particella indivisibile, che componeva tutte le cose. Questa idea fu ampiamente respinta dai filosofi naturali aristotelici (vedi sotto).360 aC Platone ha coniato il termine 'elemento classico' (stoicheia) e nel suo libro di dialogo Timeo, che menziona la composizione della materia inorganica e organica e