I Parti

Article

August 11, 2022

I Parti erano un popolo della Persia nord-orientale; furono il fondamento politico e culturale del successivo Regno di Arsace. I testi inglesi si riferiscono a questo popolo come "Parti", che deriva dalla parola latina Partia, o dalla parola persiana Parthava, che significa anche "dei Parti" in Parti. Il vietnamita in alcuni documenti buddisti traduce anche Partia come An Tuc, forse dalle prime dinastie di Arsace I e II.

Geografia

Partia è più o meno equivalente alla metà occidentale (maggiore) del Khorasan. Confinava con i monti Kopet Dag, il limite settentrionale (tra l'attuale Iran e Turkmenistan) e il deserto di Dasht-e-Kavir, il deserto a sud. Confina con Media a ovest, Ircania a nord-ovest, Margiana a nord-est e Aria a sud-est. Sotto gli Arsace, la Partia si unì all'Ircania (che ora è in parte in Iran e in parte in Turkmenistan), come agente amministrativo. Pertanto, l'Ircania è considerata parte della Partia a seconda del contesto.

Storia

Sotto la dinastia achemenide

In quanto insediamento dei Parti, il toponimo dei Parti apparve per la prima volta come entità politica nell'elenco delle amministrazioni achemenidi sotto il loro governo, guidate da un "viceré". Prima di questo periodo, l'area sembrava essere stata un problema dei media. Nel VII secolo aC, testi assiri menzionano un paese chiamato Partakka o Partukka. Ad un certo punto, un anno dopo che Ciro il Grande sconfisse il re dei Media Astiage, Partia divenne una delle prime località a confermare Ciro come loro re: "e questo assicurò la parte orientale di Ciro e gli permise di condurre le sue prime campagne imperiali contro Sardi". Secondo fonti greche, dopo che Dario I catturò il trono achemenide, i Parti si unirono al re dei Media Fraorte, unendosi in una ribellione contro di lui. Istaspe, il governatore achemenide di questa provincia (presumibilmente il padre di Dario) cercò di sedare una ribellione che sembra essere scoppiata all'improvviso intorno al 522/521 a.C. La prima menzione della Partia da parte di indigeni iraniani è l'iscrizione sulla stele Behistun di Dario I, dove la Partia è elencata (in tipico ordine iraniano in senso orario) tra le province vicine a Drangiana. L'iscrizione storica inizia intorno al 520 aC. Il centro del governo "avrebbe potuto trovarsi in [quello che in seguito sarebbe stato chiamato] Hecatompylus". La Partia appare anche nell'elenco dei popoli governati dagli Achemenidi di Erodoto; Lo storico registra che i Parti, Corami, Sogdiani e Areioi erano come popoli di un doge separato (16), il cui tributo annuale al re secondo lui era di soli 300 talenti d'argento. Questo "se fosse vero causerebbe confusione tra gli studiosi moderni". Durante la battaglia di Gaugamela nel 331 aC tra gli eserciti di Dario III e Alessandro Magno, uno degli eserciti dei Parti fu comandato da Frataferne, che era sotto di lui. Achemenide era il governatore di Partia. Dopo il fallimento