Pasqua

Article

August 15, 2022

La Pasqua ebraica (ebraico: פֶּסַח Pesaḥ) è la festa ebraica più importante, della durata di una settimana. Nel pomeriggio del 14° giorno del mese di Nisan (circa marzo, aprile del calendario solare), la gente macellava le pecore (pecore) nel tempio, quindi il sacerdote prese il sangue delle pecore e lo versò ai piedi del altare. Al calar della notte, le persone mangeranno il pasto pasquale in famiglia o in gruppo senza dimenticare di spalmare un po' del sangue dell'agnello sulla porta di casa. La Pasqua ebraica viene celebrata come un memoriale per aiutare ogni persona a rivivere l'esperienza dei loro antenati liberati dalla schiavitù dell'antico Egitto. Al banchetto, la gente mangiava agnello con pane azzimo ed erbe amare, e bevevano anche insieme quattro coppe di vino benedetto dall'ostia per commemorare le quattro promesse di Dio agli israeliti. : "Ti farò uscire dal giogo d'Egitto" "Ti libererò dalla schiavitù". "Tenderò il mio braccio e ti riscatterò" “Ti farò mio popolo e sarò il tuo Dio”. Ricorderanno l'Esodo e reciteranno un Salmo al termine della festa.

Storia

Nella storia circa 3500 anni fa (1500 a.E.V.), gli ebrei vissero e lavorarono come schiavi in ​​Egitto per circa 15 anni. 430 anni. Qui furono oppressi dai re e dai funzionari egiziani, costringendoli a fare un duro servizio e a fare un duro lavoro per impastare l'argilla. fece mattoni, fece ogni genere di lavoro agricolo, fu costretto a lavorare per costruire una città tesoro per il re d'Egitto. Dio udì il loro lamento e vide la loro sofferenza, così andò da Mosè, per mandarlo a liberarlo dalla mano degli egiziani e a portare il suo popolo eletto nella terra promessa, una terra buona e spaziosa, dove scorre latte e miele . Il re d'Egitto, ovviamente, non accettò la richiesta di Mosè che gli ebrei fossero liberi di lasciare la terra. Per sottomettere il re, Dio versò una dopo l'altra nove terribili piaghe sulla terra d'Egitto, come l'acqua del fiume trasformata in sangue che puzzava, le rane strisciavano dappertutto, le zanzare volavano fitte, le mosche volavano in stormi. la casa degli Egiziani, dal re al popolo; tutti gli animali morirono di peste; cancro, foruncoli, croste, grandine caddero violentemente, le locuste inondarono la zona e divorarono tutte le piante del campo, e poi una fitta oscurità coprì per tre giorni tutto il paese d'Egitto. Tuttavia, dopo ogni piaga, il re d'Egitto induriva ancora il suo cuore e rifiutava di lasciare andare gli israeliti. A questo punto, Dio dichiara la decima e ultima piaga; che ucciderà tutti i primogeniti degli Egiziani, dal primogenito del re d'Egitto che siede sul trono, al primogenito della serva che macina al mulino. Parallelamente a questa proclamazione della decima piaga, Dio disse a Mosè di comandare a tutti gli israeliti di seguire un'istruzione molto importante, in modo che il suo popolo non fosse infettato dalla peste: popolo egiziano. Questa istruzione è registrata nella Bibbia, Esodo capitolo 12. È di osservare la Pasqua. Gli ebrei osservavano la Pasqua uccidendo pecore e mangiando carne fritta con pane azzimo e verdure amare. Dopodiché