Guerra Vietnam-Chiem (1367-1396)

Article

May 19, 2022

La guerra Vietnam-Chiem (1367–1396) fu una guerra tra Dai Viet alla fine della dinastia Tran e il regno Champa guidato da Che Bong Nga (1360–1390). Nel 1330, Dai Viet e l'Impero Khmer furono indeboliti dai cambiamenti climatici e dalla diffusa carestia, contribuendo alla rinascita di Champa nel XIV secolo. Nel 1360, Che Bong Nga salì al potere e chiese alla dinastia Tran di restituire parte della terra precedentemente offerta. A partire dal 1360, Champa iniziò una serie di guerre continue che durò quasi tre decenni con Dai Viet e fu vinta molte volte. La cittadella di Thang Long cadde molte volte nelle mani del popolo Champa durante la guerra. Nel 1377, Tran Due Tong organizzò un contrattacco e avanzò fino alla cittadella di Do Ban, ma alla fine cadde in un'imboscata fuori città e morì. Nel 1390, Che Bong Nga fu ucciso in una battaglia navale con l'aiuto di un generale Chiem disertato. Un fattore decisivo nella vittoria dell'esercito Dai Viet nella battaglia di Hai Trieu fu la sua micidiale polvere da sparo e armi da fuoco, che fecero uccidere Che Bong Nga nel 1390. Alla fine della guerra, entrambe le parti avevano esaurito le proprie risorse umane e materiali , ottenendo poco pur subendo grandi perdite. La dinastia Tran perse il potere a favore di Ho Quy Ly nel 1400.

Contesto

La causa del conflitto iniziò dopo la vittoriosa guerra di resistenza contro i Mongoli nel XIII secolo. L'alleanza contro la dinastia Nguyen avvicinò Dai Viet e Champa, che erano ostili, più vicini. Nel 1306, la dinastia Tran sposò la principessa Huyen Tran con il re Che Man di Champa. Che Man cedette due continenti O e Ly a Dai Viet come regalo di nozze. La dinastia Tran ribattezzò queste due terre in Hoa Chau e Thuan Chau. Nel 1307, Che Man morì, la famiglia Tran temeva che la principessa Huyen Tran sarebbe stata bruciata per essere cremata. Il re Tran Anh Tong ha inviato Tran Khac Chung a prendere in prestito la sua voce per visitare e utilizzare il piano per riportare Huyen Tran nel paese. Tuttavia, alcune persone successive pensarono che questa storia fosse in qualche modo inventata, dicendo che il bisogno della principessa di andare alla pira era solo "una voce deliberata di personaggi che non erano d'accordo con la dinastia Tran e si opponevano alla pira." con matrimoni eterosessuali, confuciani emergenti" . Oltre ai dubbi contrasti e ai punti irragionevoli nei libri di storia, i documenti storici di Champa e tutti i libri antichi sulla cerimonia della cremazione non menzionano questa usanza del popolo Champa, che è improbabile che sia vera.La morte del re Cham in 1307 indusse molte persone Cham a chiedere la restituzione dei territori offerti. Nel 1311–1312, Tran Anh Tong portò il suo esercito a combattere Champa, catturò Che Chi e sostituì suo fratello Che Nang come vassallo della dinastia Tran. Che Chi morì presto a Gia Lam e fu cremato. Che Nang in seguito si ribellò, ma fu sconfitto nel 1318, costretto a fuggire a Giava e fu sostituito da Che Anan. Dopo che l'esercito Tran si ritirò, Che Anan aumentò il tributo alla dinastia Nguyen e allo stesso tempo persuase il re Nguyen a sostenere Chiem nell'ottenere l'autonomia da Dai Viet. Nel 1324, Nguyen Anh Tong inviò un inviato per indurre Tran Minh Tong a rispettare la sovranità di Champa. Nel 1326, Tran Minh Tong inviò il re Hue Tuc a Tran