Morto

Article

August 17, 2022

La morte o il trapasso è generalmente considerata la cessazione delle attività di un organismo o la cessazione permanente di tutte le attività vitali (irreversibili) di un organismo. Tuttavia, la definizione di morte dipende dalle prospettive religiose e di credo, nonché dai campi correlati. In medicina, la morte è la cessazione permanente di tutte le attività viventi come la respirazione, il metabolismo o la divisione cellulare. La scienza della morte divenne una propria disciplina chiamata "mortologia" (inglese: thanatology; greco: θάνατολογια thnatologia). Le persone dividono la morte in due categorie: morte clinica che i metodi di esame clinico consentono di identificare come morte (arresto cardiaco, arresto respiratorio, perdita di coscienza, ecc.); La vera morte, quando i tessuti non possono più funzionare e iniziano a decadere. Le morti umane più comuni sono malattie cardiache, seguite da accidenti cerebrovascolari, e la terza è infezioni delle basse vie respiratorie Nella società umana, la natura della morte e la percezione che l'Umanità ha della morte è stata per millenni la preoccupazione del mondo religioso e filosofico . Ciò include la fede nella resurrezione (in relazione alla religione abramitica), la rinascita (in relazione alla religione del Dharm) o la sensazione che l'eternità non esista più, nota come oblio ateo.

Parole correlate

Il concetto e i sintomi della morte, e i vari gradi di sottigliezza usati nella discussione, hanno dato origine a una moltitudine di parole figurative usate nella scienza, nel diritto e nella società per descrivere la morte. Quando si annuncia la morte di una persona, si può dire che è morta, scomparsa, scomparsa o scomparsa, inoltre ci sono molte altre parole che sono socialmente accettate, oppure ci sono altre parole usate nella religione o nel gergo come: Privato del diritto alla vita, la persona che è morta, è tornata dai nonni, venticinquanta, è tornata sulla terra, ha dormito con i vermi, ecc. Le parole che descrivono la decomposizione della carne possono anche essere usate per descrivere la morte, anche se sono spesso usati per gli animali ma non per gli esseri umani. Per mostrare cortesia a una persona morta, l'uso figurato della parola morto è diventato comune.

Espressione di "morte"

Nella maggior parte delle società, la morte è spesso associata a determinati simboli. In molte civiltà orientali, il bianco è il colore del lutto; In Occidente, invece, il lutto è nero, il simbolo della morte è il dio della morte con la famosa falce. Le tombe sono anche metafore comuni quando ci si riferisce alla morte. Da un punto di vista biologico, la morte può riguardare l'intero corpo o solo alcune parti del corpo. Ad esempio, alcune singole cellule o anche alcuni organi possono morire, mentre gli organi del corpo muoiono. Il corpo, nel suo insieme, continua a vivere. Nell'organismo, molte cellule hanno una vita molto breve rispetto alla vita del corpo, muoiono e vengono sostituite da nuove cellule - questo è il processo di rinnovamento costante delle cellule, una fisiologia caratteristica degli organismi multicellulari. Al contrario, quando un organismo muore, le sue cellule possono solo