Pandemia di Covid-19 in Thailandia

Article

May 29, 2022

La pandemia di COVID-19 in Thailandia è in corso in Thailandia dal 13 gennaio 2020 e fa parte della pandemia globale di COVID-19. La Thailandia è stato il primo paese a vedere un caso confermato di COVID-19. Primo fuori dalla Cina Lo screening dei viaggiatori in ingresso nel Paese ha riscontrato casi sporadici nel corso del mese. La maggior parte sono persone che provengono o sono residenti in Cina. Fino al 31 gennaio 2020, è stato segnalato che per la prima volta è stato trovato un paziente infetto con una trasmissione domestica. Il numero di casi è rimasto basso per tutto febbraio 2020, con 40 casi confermati alla fine del mese. Ma il numero di casi è aumentato notevolmente a metà marzo 2020, dove la causa è stata identificata da più gruppi di trasmissione. Il gruppo più numeroso si è svolto in un incontro di boxe thailandese al Lumpinee Stadium il 6 marzo 2020. Più di 100 casi confermati al giorno sono stati aggiunti una settimana dopo. La risposta del governo all'epidemia è iniziata con lo screening e il tracciamento dell'esposizione. C'è uno screening del COVID negli aeroporti internazionali. così come in ospedale per i pazienti con una storia di viaggi o esposizione C'è un'indagine sulla malattia nel caso di un gruppo di focolai. Il Ministero dell'Istruzione insiste sull'autocontrollo. pulizia, soprattutto lavaggio a mano ed evitare la folla (O indossa invece una maschera), sebbene a chi viaggia da paesi ad alto rischio sia consigliato di autoisolarsi. Tuttavia, non esiste un ordine di restrizione di viaggio fino al 5 marzo 2020 e al 19 marzo 2020, c'è un annuncio aggiuntivo che richiede documenti medici che certifichino i viaggi internazionali e gli stranieri devono avere un'assicurazione sanitaria. A fine marzo 2020 è stato ordinato ai luoghi pubblici e alle attività commerciali di