Pianta

Article

October 6, 2022

Il regno vegetale (Plantae) è uno dei regni che fanno parte del sistema biologico. Lo studio del regno vegetale si chiama botanica. Le piante verdi sono divise in divisioni e possono essere facilmente divise in alghe verdi, muschi e piante vascolari. Le piante vascolari sono crittogame vascolari o piante da seme. Le piantine sono a loro volta divise in gimnosperme e angiosperme. Le piante, come le alghe, sono generalmente organismi fotoautotrofi, cioè organismi che essi stessi, con l'aiuto della luce solare (attraverso la fotosintesi), si nutrono di sostanze inorganiche, ma esistono anche piante parassite (come il tallwort), piante semiparassitarie (come come il vischio) e piante carnivore, come la trappola per mosche di Venere e i capelli del setaccio. Aristotele divideva tutti gli esseri viventi in piante, che non si muovono e non hanno organi di senso, e animali. Il più antico disegno conservato di una pianta si trova nel papiro di Johnson. Nel sistema di Linneo, gli organismi erano divisi in Vegetabilia (poi Plantae) e Animalia. In seguito divenne più evidente che era necessaria un'ulteriore suddivisione, che portò all'allontanamento di funghi e alghe dal regno delle piante. Negli ultimi tempi, le alghe verdi in particolare sono state restituite in misura crescente al regno vegetale. L'importanza delle piante La fotosintesi delle piante e di alcune alghe ha cambiato molto tempo fa la composizione dell'atmosfera terrestre, così che ora contiene una grande proporzione di ossigeno da cui dipendono animali e altri organismi. Tutte le piante usano la fotosintesi per accedere all'energia e al carbonio di cui hanno bisogno. Avviene nei cloroplasti, un organello verde nella cellula vegetale, dove la pianta converte la luce solare, l'anidride carbonica e l'acqua in glucosio e ossigeno.

Piante e uomo

Gli esseri umani dipendono dalle piante per il loro apporto di nutrienti, sia direttamente sotto forma, ad esempio, di cereali, frutta e verdura, ma anche indirettamente, poiché le piante sono alla base di quasi tutte le catene alimentari. I nutrienti nelle piante vengono rilasciati quando lo zucchero dell'uva viene scomposto in energia, ad esempio nel corpo umano. Insieme all'ossigeno che respiriamo, il prodotto residuo diventa anidride carbonica e acqua. Questo è chiamato atterraggio cellulare. Le piante sono un'importante fonte di materie prime. Gli alberi forniscono materiali da costruzione e polpa. Molti tessuti sono prodotti da piante, come il cotone. Molti farmaci hanno o hanno avuto piante come sostanze attive. Vedi anche agricoltura e selvicoltura.

Il nome Plantae

Il nome Plantae può avere diversi significati. Comune a tutti è che le briofite (muschi) e le tracheofite (piante vascolari) sono sempre incluse. La definizione più ristretta, Plantae sensu strictissimo, include solo questi due gruppi: briofite e piante vascolari. Queste sono le piante che hanno organi riproduttivi protetti, sporofito multicellulare e formano embrioni. Pertanto, sono anche chiamati embriofiti (Embryophyta). In svedese a volte dicono "landväxter". In una definizione più ampia, Plantae sensu stricto, gli embriofiti vengono aggiunti alle alghe verdi. Questi due gruppi hanno la clorofilla aeb e immagazzinano sostanze nutritive come l'amido. Molti dati di biologia molecolare mostrano anche che gli embriofiti hanno avuto origine dalle alghe verdi. Questo gruppo è giustamente chiamato piante verdi (Viridiplantae). Una definizione ancora più ampia è quella di includere anche alghe rosse e glaucofite nel regno vegetale; alcuni dati di biologia molecolare supportano questo. Questo gruppo viene poi chiamato alternativamente Plantae sensu latu, Archaeplastida, Primoplantae o semplicemente Plantae.Più indietro, tutto ciò che non era animale veniva chiamato piante (Vegetabilia, Plantae). Così sono stati contati anche i funghi e tutte le alghe del regno vegetale.

L'evoluzione delle piante

Articolo principale: L'evoluzione delle piante Ciò che si intende per piante nel linguaggio quotidiano è solitamente piante multicellulari e terrestri. Includono piante vascolari che hanno foglie, steli o steli e radici. Come le piante vascolari, anche i muschi hanno cellule con pareti cellulari di cellulosa e la maggior parte ottiene la loro energia tramite la fotosintesi. Ci sono circa 300 specie di piante non fotosintetiche