Teatro

Article

June 25, 2022

Il teatro, a volte dramma o spettacolo, è un tipo di arte performativa, che mira ad agire, raccontare, presentare o presentare storie, idee o emozioni a un pubblico. Questo di solito viene fatto attraverso il dialogo, cioè discorsi e gesti tra diversi personaggi, interpretati o recitati da attori. Questi devono essere in grado di esprimere personalità, età, voci, genere e posture alternative. La recitazione in uno spettacolo teatrale interagisce con una serie di altri elementi visivi, come la scenografia, l'illuminazione, il costume e il trucco. Suoni, effetti speciali e oggetti di scena sono spesso usati per migliorare l'impressione della realtà. Le commedie svalutate sono chiamate commedie. Ci sono anche forme di teatro improvvisato a vari livelli. Una persona che scrive opere teatrali si chiama drammaturgo. Gli spettacoli vengono solitamente eseguiti su un palcoscenico, che è uno spazio ristretto ben visibile al pubblico. Fino al XVI secolo, le scene in stile arena erano le più comuni, ma in seguito il teatro di osservazione divenne il più comune. Oggi, la maggior parte dei palchi teatrali ha l'opportunità di integrare il pubblico. Gli spettacoli tradizionalmente cercano di creare un'illusione o un senso di realtà per il pubblico, da qui la parola performance. Il pubblico forma quindi eccezioni inconsce dalla percezione della realtà e accetta, per esempio, che gli attori parlino più forte del normale, che siano inventati e che le scene cambino rapidamente il tempo e lo spazio. Questo vale anche per la quarta parete, cioè la parete che "manca" nella realtà della sala teatrale e che il pubblico può "vedere attraverso".

Etimologia

La parola "teatro" deriva dall'antica parola greca "teatron" (θέατρον), una derivazione della parola "thea" ("vedere") che significa "scena". La parola esiste in svedese dal XVII secolo.

Storia

Le prime rappresentazioni documentate erano rappresentazioni religiose annuali sul mito di Osiride e Iside nel 2500 aC.

Teatro Antico

Il teatro occidentale si è evoluto dalle feste annuali di Dioniso nell'antica Grecia. Ogni anno veniva organizzata una festa in onore del dio Dioniso e come una delle tradizioni è stata costruita un'arena per il canto corale. Il coro era composto da un coro e da un cantante che hanno cantato una canzone alternativa con il coro. Presto iniziò invece a parlare il cantante, che alla fine si trasformò nel cantante che rappresenta una persona (il protagonista del dramma). Il coro è servito da portavoce per l'attuale drammaturgo. Successivamente iniziò ad agire anche un avversario, un cosiddetto antagonista. Nell'antica Grecia venivano organizzati festival teatrali annuali in cui tre antichi drammaturghi gareggiavano con quattro spettacoli ciascuno, tre tragedie e un'opera teatrale. A quel tempo il teatro, come tante altre cose, era un piacere riservato ai cittadini della Grecia (uomini liberi) e in scena c'erano solo uomini, anche nei ruoli femminili. Sono state utilizzate anche maschere che amplificavano la voce attraverso un imbuto all'apertura della bocca della maschera. Gli attori indossavano anche "cow tour" che erano un tipo di scarpe lunghe mezzo metro, anche grandi mantelli e copricapi (onkos) venivano indossati per far sembrare gli attori belli. I grandi drammaturghi dell'antica Grecia furono: Eschilo che scrisse Orestien (la canzone su Oreste), Sofocle con Elettra e il re Edipo ed Euripide che scrisse la sua versione di Elettra e poi la famosa Medea.

Teatro Romano

Man mano che l'impero romano si allargava, i romani si impadronirono praticamente degli dei e della cultura greci. Tuttavia, arrivarono a utilizzare il teatro per scopi più politici, per conquistare gli elettori piuttosto che per scopi religiosi. Le loro rappresentazioni teatrali erano più frivole. I Giochi del Gladiatore ne sono un esempio. Seneca scrisse Fedra, basato su Euripide, mentre Plauto scrisse commedie basate su Menandro.

Teatro medievale

Durante il Medioevo furono messe in scena le leggende arturiane e altri temi romantici. I giochi di mistero rappresentavano episodi dell'Antico o del Nuovo Testamento. Commedia dell'