Svezia

Article

May 29, 2022

La Svezia (pronuncia svedese: [sværjɛ] (ascolta)), formalmente Regno di Svezia ([ˈkôːnɵŋaˌriːkɛt ˈsvæ̌rjɛ] (ascolta)), è una monarchia costituzionale della penisola scandinava nel nord Europa. La Svezia ha un confine terrestre a ovest con la Norvegia, a nord-est con la Finlandia e acque territoriali adiacenti alla Norvegia a ovest-sudovest, la Danimarca a sud-ovest e la Finlandia a est. Il paese ha coste verso il Golfo di Botnia, il Mare di Botnia, il Mare delle Åland, il Mar Baltico, il Sound, il Kattegat e lo Skagerrak. La Svezia ha una popolazione di 10,4 milioni di abitanti ed è, con una superficie (compresi i laghi) di 447.425 km², il quinto paese geograficamente più grande d'Europa (se si conta solo la parte europea della Turchia). La capitale è Stoccolma, la città più grande del paese con 1,4 milioni di abitanti. Inoltre, ci sono altre tre grandi città secondo la definizione di Statistics Sweden di oltre 200.000 abitanti: Göteborg, Malmö e Uppsala. Circa l'87 per cento della popolazione, una quota in aumento, vive in aree urbane con almeno 200 abitanti (nel 2016). Con la definizione OCSE - basata su almeno 50.000 abitanti - solo il 41 per cento degli svedesi vive in sistemi urbani. La Svezia è quindi un paese spiccatamente rurale, con una bassa densità di popolazione di 22 abitanti per km² e con una densità maggiore nella metà meridionale del paese. La Svezia è una monarchia costituzionale con democrazia parlamentare e un'economia sviluppata. Il paese è membro delle Nazioni Unite dal novembre 1946 e dell'Unione europea dal 1 gennaio 1995. Svezia o tradizionalmente regno Svea dall'antico norreno svíar, di per sé probabilmente dal nordico Svitiod, documentato per la prima volta come Swēorice nel poema anglosassone di Beowulf intorno all'anno 1000, originariamente riferito a un regno di svedesi, una tribù a sua volta prima documentata da lo storico romano Tacito nel 98 e .Kr. Il regno fu cristianizzato durante il Medioevo e fu riconosciuto dal re Inge il Vecchio da papa Gregorio VII nel 1080. Successivamente, sia gli svedesi che i goti furono inclusi dal 1160 circa. La Svezia faceva allora parte dell'Unione nordica di Kalmar 1397–1523. Durante l'era della grande potenza del XVII secolo, il paese si espanse militarmente, ma perse la maggior parte delle aree al di fuori della penisola scandinava durante il XVIII e il XIX secolo. La metà orientale del paese, in seguito Finlandia, fu persa dalla Russia nel 1809. L'ultima guerra in cui la Svezia fu direttamente coinvolta fu le guerre napoleoniche del 1814, quando alla Svezia fu concessa la Norvegia dalla Danimarca nell'Unione svedese-norvegese, un sindacato del personale che durò fino al 1905. Durante il XX secolo, la politica estera della Svezia è stata caratterizzata dalla libertà di alleanza militare. Nonostante ciò, le forze armate svedesi hanno partecipato a operazioni militari estere attraverso il Partenariato per la pace della NATO e la politica di sicurezza e difesa comune dell'UE. La cultura svedese si distingue nelle misurazioni del valore internazionale con il suo individualismo, umanesimo e laicità, nonché con una grande fiducia nello stato, nella politica e nelle autorità tra i cittadini. Dalla metà del XX secolo, la politica economica svedese si è distinta a livello internazionale per la sua ampia distribuzione di risorse pubbliche ad alta tassazione delle risorse del popolo svedese, sia nazionali che estere, e per l'economia mista (mescolanza di socialismo ed economia di mercato). Esiste un consenso tra le parti sociali, noto come modello svedese. Il paese è al terzo posto nel mondo nell'indice di democrazia degli economisti (2018) e all'ottavo nell'indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite (2018). Il paese è uno dei maggiori contribuenti delle Nazioni Unite e uno dei pochi paesi a raggiungere il suo obiettivo di aiuti di oltre lo 0,7% dell'RNL.

Storia

Preistoria

Dal ritiro della calotta glaciale, la penisola scandinava è stata popolata da generazioni di collezionisti e cacciatori. L'agricoltura fece il suo ingresso tra il 4.000 e il 3.200 aC. Oggetti metallici occasionali apparvero già intorno al 3000 aC, ma ci volle fino al 1800 aC circa. prima che il bronzo diventasse così comune che si può parlare di un'età del bronzo. Ferro da stiro