Il Primo Ministro del Regno Unito

Article

June 28, 2022

Il Primo Ministro del Regno Unito (titolo formale in inglese: Primo Ministro del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord) è il Primo Ministro del Regno Unito, leader politico de facto e amministratore delegato del ramo esecutivo. Il primo ministro è formalmente nominato dal monarca britannico (re o regina regnante), che è vincolato dalla prassi costituzionale a scegliere quello che ha maggiori probabilità di essere sostenuto dalla camera bassa del parlamento (di solito il leader del partito più grande). Il Primo Ministro e gli altri membri del Gabinetto (che consiste dei primi ministri e dei capi di dipartimento) sono collettivamente responsabili delle loro politiche e azioni davanti al monarca, al parlamento, ai loro partiti politici e, infine, davanti all'elettorato. Se la camera bassa perde la fiducia nel primo ministro (come può dimostrare, ad esempio, alzando e approvando una mozione di censura), la persona in questione è moralmente obbligata a dimettersi o chiedere al monarca di sciogliere il parlamento e indire nuove elezioni . Il monarca può anche cercare di trovare un candidato primo ministro che goda della fiducia del parlamento. L'attuale Primo Ministro è Boris Johnson, entrato in carica il 24 luglio 2019 dopo Theresa May. Sir Henry Campbell-Bannerman è stato il primo dei primi ministri della Gran Bretagna ad essere chiamato "primo ministro". Prima del 1905, il Primo Ministro era solo il gergo parlamentare per il Primo Signore del Tesoro che era il titolo ufficiale.

Funzione

In qualità di Primo Ministro ("Capo del governo di Sua Maestà"), l'attuale Primo Ministro guida il gabinetto (il ramo esecutivo). Inoltre, il Primo Ministro guida un grande partito politico e di solito ha la maggioranza nella camera bassa (una delle due camere dell'Assemblea legislativa). A tale riguardo, l'operatore storico esercita sia il potere legislativo che quello esecutivo. La Gran Bretagna ha un'unione di poteri piuttosto che una divisione del potere. Nella camera bassa, il presidente del Consiglio apre la strada al lavoro legislativo con l'obiettivo di attuare il programma del suo partito sotto i suoi occhi. In qualità di esecutivo, il Presidente del Consiglio nomina (e può revocare) tutti gli altri membri del Gabinetto e dei Ministri e coordina le politiche e le attività dei Ministeri e del personale dell'Amministrazione Civile. Il Primo Ministro è anche il volto esterno del governo, sia all'interno che all'esterno del Paese. Il monarca esercita molti dei suoi poteri solo su consiglio del Primo Ministro: tra cui lo scioglimento del parlamento, la nomina di alti ranghi legali, politici ed ecclesiastici (all'interno della Chiesa d'Inghilterra) e la concessione di prestigio, nobiltà, medaglie e altri onori. Contesto costituzionale Il British National Board si basa su una costituzione non scritta, il che significa che questa non è codificata in un documento uniforme. Estesa in 800 anni, la Costituzione britannica è composta da molti documenti - come la Magna Carta (1215), il Great Reform Bill (1832) e il Parliament Act (1911) - e, che fu il più importante per la crescita del Presidente del Consiglio dei Ministri, Office, convenzioni che sono diventate prassi accettata. Nel 1841, il Primo Ministro Lord Melbourne spiegò le caratteristiche della Costituzione britannica in una lettera a una giovane regina Vittoria: L'intera parte politica della Costituzione inglese è pienamente compresa e chiaramente esposta in Blackstone e in molti altri libri, ma la parte ministeriale, il lavoro di guida del governo esecutivo, si è basata così tanto sulla pratica, che non è possibile fare riferimento a una pubblicazione particolare per la spiegazione e la descrizione. Si può trovare nei dibattiti, nelle proteste, nelle lettere, nelle memorie e ovunque possa essere percepita.Quasi cento anni dopo, il Primo Ministro Herbert Asquith fece la stessa osservazione nelle sue memorie: In questo paese viviamo... sotto una costituzione non scritta. Certamente negli strumenti dello Statuto ci sono grandi strumenti come M