Anno bisestile

Article

June 27, 2022

Un anno bisestile è un anno con più giorni del normale. Nei calendari giuliano e gregoriano, l'anno è prolungato da un giorno di caccia, che (ora) viene aggiunto al mese di febbraio. Nei calendari lunisolari come quello ebraico, babilonese e l'antico calendario romano, gli anni bisestili significano che l'anno ha un mese in più - mese bisestile. L'anno bisestile è un modo per mantenere l'anno solare al passo con l'anno astronomico. Poiché un anno tropico (anno stagionale) è lungo 365.2421875 giorni, un anno con 365 giorni non può essere utilizzato continuamente nel calendario, nel corso di 100 anni le stagioni, le date del solstizio e degli equinozi ecc. verrebbero spostate di più di 24 giorni nel calendario. Aumentando (con alcune eccezioni, vedi sotto) la lunghezza dell'anno ogni quattro anni di un giorno in più, il calendario può essere tenuto abbastanza al passo con le stagioni. La parola colpo significa "qualcosa che è stato sparato".

Calendario gregoriano

Nella cronologia occidentale generale (calendario gregoriano) gli anni bisestili sono gli anni equamente divisibili per 4, ad eccezione dei secoli che non sono equamente divisibili per 400. Ciò significa, ad esempio, che gli anni 1600, 2000 e 2400 sono bisestili ma non gli anni 1700, 1800, 1900, 2100, 2200 e 2300. Utilizzando le regole di cui sopra, il numero di giorni diventa 365 + 1/4 - 3/400 365,2425. L'anno del calendario gregoriano è quindi in media di 365,2425 giorni, che è una leggera deviazione dalla lunghezza dell'anno tropicale di 365,2421875 giorni. Ciò significa un po' troppi giorni di ripresa e uno spostamento di equinozi, solstizi e così via in 7 ore, 26 minuti e 24 secondi in 1.000 anni, o un errore di 1 giorno dopo circa 3.000 anni.Sono state proposte ulteriori correzioni, ad esempio che gli anni che sono anche migliaia non dovrebbero essere bisestili se la cifra del millennio è equamente divisibile per 4, il che significherebbe che ad esempio 2000 sarebbero bisestili ma non 4000 e 8000. Tale regola darebbe un errore di un solo giorno dopo 15.000 anni. Escludendo come anni bisestili anche i millenni non divisibili equamente per 10.000, l'errore si ridurrebbe ulteriormente a un giorno di 100.000 anni. Finora si trattava solo di proposte ipotetiche, dove potrebbe esserci motivo di ritenere che vi siano anche alcune lievi variazioni nella lunghezza dell'anno tropico.

Calendario giuliano

Nel calendario giuliano, senza eccezioni, tutti gli anni che erano equamente divisibili per quattro erano bisestili, il che dà a un anno una media di 365,25 giorni. Rispetto all'anno tropico, ciò significa già uno spostamento di un giorno ogni 128 anni. Un errore è stato che nei primi decenni gli anni bisestili venivano introdotti ogni tre anni, il che creava tre anni bisestili di troppo. Per compensare, l'imperatore Augusto decise che l'anno 8 a.C., 4 a.C. e 4 d.C. non sarebbero stati bisestili [fonte necessaria] il calendario ("vecchio stile") che cade il 7 gennaio secondo il calcolo del tempo generale sarà posticipato di un altro giorno in connessione con la fine del secolo nel 2100, vale a dire il giorno di Natale il 25 dicembre 2100 vecchio stile sarà celebrato l'8 gennaio 2101 secondo la cronologia generale. Dopo 2000 anni, dovrebbe esserci una differenza matematica di 15 giorni tra i due calendari. [(365,25–365,2425) × 2000 15]. Il fatto che ci sia solo una differenza di 13 giorni tra i calendari è dovuto principalmente al fatto che quando sono state fatte delle regolazioni, devi aver arrotondato al giorno intero.

Giorno delle riprese

Il giorno delle riprese del 29 febbraio è il giorno in più posticipato di ogni anno di riprese. Fino al 1996 compreso, in Finlandia e Svezia il giorno delle riprese è stato conteggiato il 24 febbraio, ma dal 2000 il giorno delle riprese cade il 29 febbraio, secondo una decisione del comitato sulla lunghezza del nome nel 1996 e dell'Università di Helsinki nel 1998 . dell'anno è che l'antico romano k