SARS-CoV-2

Article

May 28, 2022

Sars-cov-2 o SARS-CoV-2 (sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2, che significa approssimativamente "sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2") è un coronavirus infettivo umano e di varie specie animali che causa la malattia covid-19 e che ha dato origine alla pandemia di coronavirus 2019-2021. Il virus, scoperto per la prima volta alla fine del 2019 a Wuhan, in Cina, era stato precedentemente chiamato il nuovo coronavirus del 2019 (2019-nCoV) e informalmente anche il coronavirus di Wuhan. Sars-cov-2 provoca infezioni respiratorie che nella maggior parte dei casi portano a sintomi della malattia più lievi che scompaiono entro due settimane. A volte, specialmente negli anziani, nelle persone con malattie croniche e alcuni altri fattori di rischio, un'infezione virale può essere fatale. L'origine, cioè da quale animale ospite proviene il virus, è ancora sconosciuta.

Nome

L'11 febbraio 2020, il Comitato internazionale sulla tassonomia dei virus (ICTV) ha dato al virus il nome ufficiale di "sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2", sars-cov-2, sulla base delle linee guida per la denominazione di nuove malattie pubblicate nel 2015 dal World Health Organizzazione (OMS). Lo stesso giorno, alla malattia che causa i virus è stato assegnato dall'OMS il nome ufficiale "covid-19", dalle parole inglesi "coronavirus", "malattia" e l'anno 2019 in cui è iniziata l'epidemia del virus. In precedenza, il virus era chiamato il nuovo coronavirus del 2019 (2019-nCoV), un nome temporaneo dato dall'OMS. Informalmente, il virus è stato anche chiamato il coronavirus di Wuhan o il nuovo coronavirus.

Malattia

Il virus sars-cov-2 causa la malattia da covid-19. La malattia provoca sintomi come febbre, tosse e affaticamento. Il periodo di incubazione è di solito di circa 5 giorni, ma può variare da due a 14 giorni. In Svezia, la malattia covid-19 è classificata come una malattia socialmente pericolosa.

Scoperta e scoppio 2019-2020

Il virus è stato scoperto alla fine del 2019. Il 31 dicembre 2019, l'ufficio locale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) in Cina ha ricevuto informazioni che un nuovo tipo di polmonite era apparso nella città di Wuhan. Il 7 gennaio 2020, le autorità cinesi sono state in grado di identificare il virus come un nuovo tipo di coronavirus. All'inizio del 2020, il virus ha causato un'epidemia in Cina, con dati su oltre 80.000 malattie e oltre 3.000 decessi. Si presume che la figura scura sia grande. L'epidemia è iniziata nella provincia di Hubei in Cina, ma poi si è diffusa in altre province cinesi e in altri paesi. L'11 marzo 2020, l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha annunciato che la diffusione del coronavirus è stata classificata come pandemia. Al 5 novembre 2020, erano stati registrati complessivamente oltre 49 milioni di casi e oltre 1.238.000 persone erano morte.

Sistematica e origine

Sars-cov-2 è un coronavirus appartenente al gruppo del virus SARS (SARS-CoV o SARSr-COV) che in precedenza è diventato ampiamente noto per il ceppo virale SARS-CoV che ha causato lo scoppio della malattia sars. La specie fa parte del genere Betacoronavirus e del sottogenere Sarbecovirus La famiglia dei coronavirus è presente in un certo numero di animali che fungono da riserve naturali per loro. In rari casi, possono essere trasmessi all'uomo. Ad esempio, direttamente da un animale infetto, o tramite un altro animale, un cosiddetto ospite intermedio, che funge da portatore del virus ma che di per sé non è infetto. A volte un virus può mutare e quindi diventare contagioso per l'uomo. Geneticamente, varianti SARS-CoV-2 del coronavirus trovate nei pipistrelli Di altri coronavirus noti che hanno infettato l'uomo, SARS-CoV-2 è principalmente simile a SARS-CoV, il virus che causa la malattia. SARS-CoV è stato trovato in diversi mammiferi e, come sars-cov-2, ha grandi somiglianze genetiche con quelle trovate nei coronavirus nei pipistrelli. Sebbene diversi ceppi di virus simili si trovino nei pipistrelli, non sono una probabile fonte diretta di diffusione umana. Ciò è dovuto al fatto che i pipistrelli nell'area intorno a Wuhan durante l'epidemia sono in letargo e che i precedenti focolai dei virus strettamente correlati e simili SARS-CoV e ME