L'invasione russa dell'Ucraina 2022

Article

May 28, 2022

L'invasione russa dell'Ucraina nel 2022 è iniziata su vasta scala il 24 febbraio 2022. L'invasione è stata preceduta dalla crisi russo-ucraina del 2021-2022 e dal riconoscimento russo degli stati autoproclamati della Repubblica popolare di Donetsk e della Repubblica popolare di Lugansk , giorni prima dell'invasione. Questo è stato seguito dall'ingresso delle forze armate russe nella regione del Donbass dell'Ucraina orientale il 21 febbraio 2022. La Russia crede che l'Ucraina appartenga alla sfera di interesse della Russia, allo stesso modo in cui la RSS ucraina faceva parte dell'Unione Sovietica. Dal 2014, parti annesse o occupate del territorio dell'Ucraina sono state annesse nell'ambito di una guerra per procura non dichiarata contro il paese. La Russia si è impegnata nel Trattato di Budapest del 1994 del 1994 a non usare la forza contro l'Ucraina ea rispettare l'indipendenza dell'Ucraina e gli allora confini del paese. Fino all'inizio di marzo, la Russia, con il sostegno passivo della Bielorussia, ha occupato diverse grandi città del sud e del nord. Ha anche conquistato la più grande centrale nucleare d'Europa, circondato la città portuale di Mariupol e avviato operazioni di contenimento contro milioni di città di Kharkiv e Kiev. Le reazioni internazionali sono state dure, con sanzioni più severe e la sospensione della Russia (e della Bielorussia) da un gran numero di eventi sportivi e musicali internazionali. Un gran numero di società straniere ha interrotto o limitato le proprie attività in Russia.

Sfondo

Ucraina, Stati Uniti, Russia e Regno Unito hanno firmato il Budapest Memorandum nel 1994. Lì, l'Ucraina si è impegnata a cedere il suo arsenale nucleare per la distruzione. Ciò è avvenuto in cambio, tra le altre cose, dell'impegno di altri paesi nell'accordo di rispettare l'indipendenza dell'Ucraina e gli allora confini dell'Ucraina e di non usare la forza contro il paese. Nel 1997, Russia e Ucraina hanno stipulato un trattato di amicizia con l'impegno di rispettare l'indipendenza dell'altra e i confini nazionali esistenti.Nel febbraio 2014, Russia e Ucraina sono finite in un conflitto aperto. Dopo che l'allora presidente dell'Ucraina Viktor Yanukovich, su pressione del presidente russo Vladimir Putin, si è ritirato dall'accordo di associazione tra l'Unione europea e l'Ucraina, sono iniziate le manifestazioni contro Yanukovich. Nel febbraio 2014, Yanukovich è fuggito in Russia con l'aiuto del Servizio di sicurezza federale (FSB) della Federazione Russa, dopodiché l'opposizione filo-occidentale di Petro Poroshenko ha preso il potere. Il cambio di potere ha portato a un riavvicinamento con l'UE, che ha portato a divisioni più forti tra le popolazioni di lingua ucraina e di lingua russa. Le fratture erano più forti in Crimea, che la Russia ha utilizzato per annettere illegalmente la penisola. Allo stesso modo, la Russia è intervenuta nel Donbass, provocando una guerra che si stima abbia causato 14.000 vittime. Nel Donbass, i ribelli filo-russi dichiararono l'indipendenza dall'Ucraina e proclamarono le repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk. Nel luglio 2021, Vladimir Putin ha dichiarato l'Ucraina "parte integrante della Russia". Durante l'autunno e l'inverno 2021/2022, le truppe russe sono state mobilitate al confine con l'Ucraina. Nel dicembre 2021, la Russia ha avanzato diverse richieste all'alleanza per la sicurezza della NATO, che gli Stati membri hanno respinto. Una delle richieste era che l'Ucraina non potesse entrare a far parte della NATO.Le tensioni tra Russia e Ucraina sono aumentate all'inizio del 2022. Diversi capi di stato e di governo hanno visitato la Russia e l'Ucraina, senza essere in grado di risolvere le tensioni diplomaticamente. L'11 febbraio 2022, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito di un'imminente invasione russa dell'Ucraina. Il 15 febbraio, il presidente russo Putin ha accusato l'Ucraina