Elezioni presidenziali in Francia 2022

Article

May 29, 2022

Le elezioni presidenziali in Francia 2022 si terranno il 10 aprile 2022. Se nessun candidato ottiene la maggioranza assoluta dei voti espressi, si terrà un secondo turno elettorale il 24 aprile. Le elezioni parlamentari si terranno il 12 e 19 giugno 2022, a condizione che l'Assemblea nazionale non venga sciolta prima di tale data. L'attuale presidente è Emmanuel Macron, il cui mandato scade il 13 maggio 2022.

Sfondo

Procedura elettorale

Secondo la Costituzione della Quinta Repubblica, le elezioni presidenziali si svolgono a scrutinio diretto tra tutti gli aventi diritto. Le elezioni si tengono ogni cinque anni dal 2002. Per essere eletto presidente, un candidato deve aver ricevuto almeno la metà dei voti alle elezioni. In caso contrario, quattordici giorni dopo si terrà un secondo turno elettorale, a cui potranno partecipare solo i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti al primo turno elettorale. È possibile rinunciare alla propria candidatura, ma in pratica è più comune che i partiti dei candidati sconfitti stiano dietro al candidato che ritengono più vicino ai propri valori.

Qualifiche

Per qualificarsi come candidato alle elezioni presidenziali, si presume che la persona sia stata nominata da almeno 500 cittadini che ricoprono determinate posizioni elette dal popolo, spesso chiamate sponsorizzazione (francese: parrainage). Si tratta dei membri del Parlamento, dell'Assemblea regionale, del Consiglio dei ministri, dei territori d'oltremare e delle assemblee parlamentari dei territori e del Consiglio degli Stranieri del Consiglio degli Stranieri. Tuttavia, il gruppo più numeroso di sponsor si trova tra sindaci e vicesindaci, sindaci distrettuali a Parigi, Lione e Marsiglia e presidenti di altri consigli comunali e di contea. Le persone che nominano i candidati alla presidenza devono rappresentare almeno 30 ministeri diversi e un massimo del 10% può rappresentare uno stesso ministero La stessa persona può ricoprire la carica per un massimo di due mandati consecutivi. Ciò significa che Emmanuel Macron può candidarsi alle elezioni del 2022, ma che deve poi lasciare la presidenza prima di poter essere rieletto presidente.

Presidente attuale

Il 23 aprile si è svolto il primo turno delle elezioni presidenziali francesi del 2017. Nessun candidato ha ottenuto la propria maggioranza al primo turno, il che significa che i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti - il politico indipendente di centrodestra Emmanuel Macron con il 24,0% e la nazionalista Marine Le Pen con il 21,3% - si sono dovuti incontrare in un secondo round il 7 maggio 2017. Macron ha sconfitto Le Pen con il 66,10% dei voti ed è stato insediato il 14 maggio 2017. Le elezioni presidenziali sono state seguite dalle elezioni parlamentari dell'11 e 18 giugno dello stesso anno.

Candidati

Formalmente, la nomina dei candidati non inizia fino al giorno successivo all'annuncio delle elezioni, che dovrebbero aver luogo all'inizio del 2022. Fino ad allora, sono in corso le elezioni primarie e altre forme di processi di nomina all'interno dei partiti. La tabella seguente mostra i principali candidati che a settembre 2021 hanno dichiarato di volersi candidare alle elezioni. Nel settembre 2021, il presidente in carica, Emmanuel Macron, non aveva ancora annunciato se si sarebbe candidato per un altro mandato.

Riferimenti

Note

Fonti generali

"Constitution de la République française" (in francese). Assemblea nazionale della Repubblica francese. 4 ottobre 1958. https://www.assemblee-nationale.fr/connaissance/constitution.asp#titre_2. Leggi 2 ottobre 2021. “Legge n° 62-1292 del 6 novembre 1962 in relazione all'elezione del Presidente della Repubblica a suffragio universale” (på franska). leggifrance.gouv.fr. governo francese. 6 novembre 1962. https://www.legifrance.gouv.fr/loda/id/JORFTEXT000000684037/. Leggi 5 ottobre 2021. "Legge costituzionale n. 2000-964 del 2 ottobre 2000 relativa alla durata del Presidente della Repubblica" (in francese). leggifrance.gouv.fr. governo francese. 2 ottobre 2000. https://www.legifrance.gouv.fr/loda/id/JORFTEXT000000219201/2021-10-05/. Leggi 5 ottobre 2021.