marxismo

Article

May 22, 2022

Il marxismo è un gruppo di concezioni sociali basato sulle teorie di Friedrich Engels e Karl Marx ed è il fondamento su cui poggia un ramo del socialismo, quello che include la socialdemocrazia e il comunismo. Il secondo ramo è basato sull'anarchismo. Il marxismo denota sia un'ideologia politica (principalmente nella sua forma ortodossa) sia una raccolta di teorie sociali più o meno non normative. Non esiste una teoria marxista definitiva, ma invece una moltitudine di diverse teorie marxiste reciprocamente incompatibili. Scrive Barry Smart: "potrebbe esserci stato solo un Marx biografico, ma la letteratura è piena di concettualizzazioni del Marx 'totale', 'precoce', 'maturo', 'scientifico' o 'umanistico'. Inoltre, c'è una diversità di marxismi chiaramente delimitati […] come ha detto un commentatore, “quasi tanti marxismi quanti sono i marxisti”». Tuttavia, il pluralismo intrinseco del marxismo è stato attivamente negato e contrastato da diversi movimenti marxisti, i quali hanno sostenuto che esiste un solo "vero" marxismo (marxismo ortodosso). Fino alla dissoluzione dell'Unione Sovietica nel 1991, c'era un certo predominio del marxismo-leninismo all'interno del discorso marxista istituzionalizzato (partiti politici e organizzazioni), ma già negli anni '70 l'egemonia sovietica era stata in qualche modo dissolta a favore di un "pluralismo dell'ortodossia", quando ogni partito aveva sviluppato la propria "ortodossia". Anche durante il periodo di massimo splendore del marxismo "ortodosso", tuttavia, ci sono state scuole di pensiero marxiste "eterodosse", come il marxismo occidentale. A causa della diversità delle teorie marxiste esistenti, David McLellan sostiene che "qualsiasi resoconto [del marxismo] che miri ad essere esaustivo rende anche l'inevitabilità piuttosto superficiale". Secondo Stephen A. Resnick e Richard D. Wolff, tuttavia, la forma di marxismo più comunemente discussa rimane il marxismo tradizionale/ortodosso.

Etimologia

Il termine marxista come soprannome per i seguaci delle teorie di Karl Marx fu usato già nel 1840 da Wilhelm Weitling. Allo stesso modo, Michail Bakunin usava soprannomi per la cerchia di pensatori intorno a Marx. Nel 1870, tuttavia, un gruppo di socialisti francesi iniziò a chiamarsi marxisti. Il nome sopravvisse e intorno al 1890 iniziò ad affermarsi su un fronte più ampio come termine per idee legate agli insegnamenti di Marx ed Engels. Marxismo classico Il marxismo classico si riferisce alla forma del marxismo progettata da Karl Marx e Friedrich Engels. Il marxismo classico può essere contrapposto agli sviluppi successivi della teoria marxista, come il marxismo-leninismo e il marxismo occidentale. Le idee centrali nel marxismo classico sono "materialismo storico" e "conflitto di classe".

Storiamaterialismo

Il termine "materialismo storico" non è stato usato dallo stesso Marx, ma ha parlato di una "visione materialistica della storia". Marx crede che l'unica cosa che esiste sia il mondo materiale, e che le idee costituiscano un "riflesso" del mondo materiale/reale. Secondo Marx, la storia consiste nello sviluppo di "forze produttive" verso la "liberazione" dell'uomo. Per "forze produttive" si intendono le "forze" utilizzate per la produzione, cioè lavoro e "mezzi di produzione" (materie prime, macchinari, strumenti; quelli che, oltre al lavoro, sono necessari per la produzione). Le forze produttive danno luogo a "condizioni di produzione", che si riferiscono al rapporto tra le persone nel processo produttivo (come datori di lavoro e lavoratori) e il rapporto tra persona e mezzi di produzione. Lo sviluppo delle forze produttive e quindi anche della società avviene in conseguenza di quelle che Marx considera "contraddizioni intrinseche" tra le forze di produzione e le condizioni di produzione. In questo modo, Marx cerca di descrivere come sia sorto il capitalismo come conseguenza storica del feudalesimo, e come il feudalesimo sia sorto da precedenti modi di produzione. Marx crede che quando il lavoro manuale era la norma, sorsero le condizioni di produzione e una consuetudine sociale