Jesper Bengtsson

Article

June 25, 2022

Bengt Jesper Bengtsson, nato il 12 maggio 1968, è un giornalista e scrittore svedese. I suoi libri includono la biografia A Struggle for Freedom - Aung San Suu Kyi e The Moderate Uprising, un libro sul rinnovamento della socialdemocrazia negli anni '80 e '90. Jesper Bengtsson è stato in precedenza uno scrittore principale presso Aftonbladet, redattore capo di Sekotidningen ed editore presso Atlas. È stato caporedattore della rivista Omvärlden dal 2010 al 2013, capo di Tankesmedjan Tiden e caporedattore della rivista Tiden dal 2013 al 2018. Nel 2020 è tornato alla casa editrice Atlas come editore. presidente dell'Unione studentesca socialdemocratica 1992-93. Tra il 2008 e il 2012 è stato presidente della sezione svedese dell'organizzazione per la libertà di stampa Reporter senza frontiere e tra il 2010 e il 2014 di Kolhusteatern, un'associazione teatrale di Hälleforsnäs e ora è presidente dell'organizzazione per la libertà di espressione Svenska PEN. Ha diretto quattro musical a Kolhusteatern, Spring Awakening 2014, Aida 2016, Familjen Addams 2017 e Råttfångaren 2018. In Musikal i Lisch, un'associazione teatrale di Lidköping, ha diretto i musical Djungelboken 2019 e Familjen Addams 2020. Jesper Bengtsson vive a Eskilstuna e Lidköping.

Bibliografia selezionata

Media potenti, democrazia snella, Bilda 2001 La rivolta moderata, Norstedts 2004 Le campane delle granate a Myitkyina, Norstedts (2006), ISBN 978-91-1301-507-1 Birmania - un viaggio all'ombra della dittatura, Norstedts (2007), ISBN 978-91-7232-112-0 (edizione tascabile delle Grenade Bells a Myitkyina) 426 giorni in Iran, Norstedts 2008 Una lotta per la libertà - Aung San Suu Kyi, Norstedts 2010

Riferimenti

Note

Collegamenti esterni

L'editoriale di Jesper Bengtsson su Aftonbladet Il blog di Jesper Bengtsson