greco

Article

August 10, 2022

Il greco (greco classico: ἑλληνική, hellēnikḗ; greco moderno: ελληνικά, elliniká) è un ramo separato delle lingue indoeuropee. Il termine si riferisce a tutte le varianti linguistiche del ramo, la forma storicamente più importante del greco classico o del greco moderno che è un miscuglio di diversi dialetti storici. Il nuovo greco è parlato da circa 12 milioni di persone (nel 2016), principalmente in Grecia. La lingua, nella variante greco demotico (Δημοτική, Dimotikí), è la lingua ufficiale in Grecia e Cipro (insieme al turco), oltre che nell'UE. È scritto in alfabeto greco. La lingua è stata documentata almeno dal 1200 aC circa. Il greco classico era la lingua principale dell'antica civiltà greca, e la koinè greca era una lingua franca per gran parte del Mediterraneo orientale e dell'Estremo Oriente da Alessandro Magno fino alla fine dell'epoca romana (fino al 1453 d.C. a Östrom), quando il greco era anche una lingua che ci si aspettava che i romani istruiti fossero in grado di saperlo. Il Nuovo Testamento è stato scritto in greco koinè. Durante il Medioevo, il greco bizantino era la lingua ufficiale dell'Impero Romano d'Oriente. Dal Rinascimento, il greco è stato un'importante lingua accademica, sebbene meno comune del latino in contesti più simili. La lingua ha anche dato origine a una serie di prestiti linguistici in altre lingue, specialmente in medicina. Il neo-greco differisce in molti modi dal greco classico, tra l'altro per l'influenza di altre lingue durante il Medioevo e per importanti cambiamenti (principalmente semplificazioni) nella grammatica.

Distribuzione geografica

Il nuovo greco è parlato da circa 13 milioni di persone, principalmente in Grecia e Cipro. Ci sono anche antiche popolazioni di lingua greca in Georgia, Ucraina, Russia, Egitto, Turchia, Albania e Italia meridionale.[Fonte necessaria] Ci sono 9,7 milioni di grecofoni in Grecia, 562.000 a Cipro, 370.000 negli Stati Uniti, 358.000 in Germania, 312.000 in Australia, 131.000 in Canada, 109.000 nel Regno Unito, 80.000 in Albania, 56.000 in Russia, 44.000 in Sud Africa, 29.000 in Georgia, 23.000 in Belgio, 20.000 in Italia e 16.000 in Svezia. Ci sono anche relatori in Armenia, Bulgaria, Brasile, Danimarca, Francia, Paesi Bassi e Austria.

Stato ufficiale

Il neo-greco è la lingua ufficiale in Grecia, dove è parlato da circa il 95% della popolazione. È anche, insieme al turco, la lingua ufficiale di Cipro. Poiché la Grecia e Cipro sono membri dell'UE, il greco è una delle lingue ufficiali dell'UE.

Classificazione

Il greco è un ramo indipendente della famiglia linguistica indoeuropea. Le lingue antiche che probabilmente erano più simili al greco classico erano il macedone antico (che potrebbe essere stato un dialetto greco) e il frigio, che non è ben conservato per consentire un confronto dettagliato. Tra le lingue viventi, l'armeno è probabilmente quella storicamente più strettamente imparentata; Si ritiene che il greco e l'armeno differissero l'uno dall'altro un po' più tardi rispetto alle altre lingue indoeuropee, ma oggi le differenze tra loro sono molto grandi. Il gruppo indoeuropeo più vicino all'armeno è l'indoiraniano. Il greco, tuttavia, è una lingua del Kent a differenza sia dell'armeno che dell'indo-iraniano, che sono lingue satem. Il neo-greco, attraverso il greco bizantino medievale e l'antica lingua standard koine, deriva dal greco classico del dialetto attico parlato ad Atene e nei dintorni durante l'epoca classica.

Storia

Storia antica

L'origine greca, che si è sviluppata dal comune urindo-europeo, differiva tra le lingue sorelle probabilmente per ultima dall'origine armena (e prima forse dall'indo-iraniano), nei primi anni 2000 a.C. (Il greco condivide alcune caratteristiche con l'armeno, ma in seguito utve