Gerda Lundequist

Article

June 25, 2022

Gerda Carola Cecilia Lundequist, originariamente Lundqvist, nata il 4 febbraio 1871 a Stoccolma, morta il 23 ottobre 1959 a Stoccolma, è stata un'attrice svedese. Lundequist è stata la grande tragedia e attrice drammatica scandinava all'inizio del secolo scorso. Era spesso chiamata "la Sarah Bernhardt della Svezia" ed era conosciuta per le sue numerose interpretazioni di Strindberg, Ibsen e Shakespeare.

Biografia

Gerda Lundequist nacque nella parrocchia di Klara ed era figlia del parrucchiere non sposato Hedvig Lundqvist o Lundequist (1837-1887) ma divenne la figlia adottiva di sua zia Amalia Charlotta Ekecrantz, nata Lundqvist (1846-1914). Ha studiato alla scuola studentesca del Royal Theatre 1886-1889 (per Signe Hebbe) e al Dramatic Theatre 1889-1891. Dopo i suoi studi, fu coinvolta al teatro Stora a Göteborg e con Selander 1891-1896 e successivamente ai teatri di Albert Ranft, in particolare al teatro svedese. È stata coinvolta in periodi misti al Dramaten dall'inizio del XX secolo fino al 1948, ma anche attori freelance al Riksteatern e al Vasateatern. Lundequist fu anche (insieme a Torsten Hammarén) attiva come regista e direttore artistico del teatro cittadino di Helsingborg per alcuni anni negli anni '20, dove diresse con successo Anna Christie di Eugene O'Neill (~ 1923-24). È stata anche insegnante di produzione teatrale presso la scuola studentesca di Dramaten e la scuola studentesca di Opera durante gli anni '30 e '40, nonché docente ospite ricorrente presso la scuola femminile di Fogelstad. Ha anche fatto parte del Board of Trustees della Citizens' School.Famose sono le sue interpretazioni dei grandi ruoli femminili di Ibsen e Shakespeare; come la sua acclamata Lady Macbeth e la regina Gertrude in Amleto e come la signora Allving in Ghosts. Nella primissima serie di John Gabriel Borkman, ha interpretato il ruolo di Ella Rentheim. Lundequist ha anche interpretato il ruolo principale di Gertrud nella produzione originale dell'opera teatrale di Hjalmar Söderberg sul vecchio Dramaten nel 1908. Il debutto sul palcoscenico avvenne nel 1889; già l'anno successivo ha interpretato il ruolo di Anne-Marie in A Doll's Home di Ibsen. Interpretazioni di successo durante la carriera teatrale di Lundequist includono la sua Monna Vanna nel dramma di Maeterlinck (Swedish Theatre, 1903), Goneril nel King Lear di Shakespeare (Dramaten, 1908), la sua Tora in Paul Lange di Bjørnstjerne Bjørnson e Tora Parsberg (Dramaten 1909; Swedish Theatre 1922), il ruolo principale nell'Antigone di Sofocle (Dramaten, 1909) e il ruolo principale in Maria Stuart di Schiller (Dramaten, 1910). Interpretò anche Jane Eyre in una delle prime produzioni allo Stora Teatern di Göteborg nel 1894. Quando si ritirò nel 1949 come attrice teatrale, era stata sul palcoscenico per 60 anni professionalmente in oltre cento ruoli. È stata attiva fino all'ultimo e nella sua vecchiaia ha avuto anche un grande successo in una serie di ruoli più orientati alla commedia, il che ha dimostrato che aveva anche un grande talento come comica (all'inizio della sua carriera non aveva praticamente mai recitato in ruoli comici ); tra l'altro come la vecchia signora che per i suoi vicini scopre di avere un figlio a cui si siede e a cui scrive e che si preoccupa molto quando il "figlio" appare improvvisamente un giorno in J.M. L'opera in un atto di Barrie The Old Man mostra le sue medaglie al Vasa Theatre nel 1940 (contro Georg Rydeberg) e anche come l'imponente e offensiva sacerdotessa vedova Julia Hylténius nella commedia di Hjalmar Bergman His Will of Grace nel 1945 (un ruolo di successo che ha interpretato diversi volte, l'ultima volta nel 1949). Era la vecchia infermiera e consigliera della sconcertata Lucia nella commedia drammatica Lucia nel 1946. Due delle sue ultime interpretazioni importanti e acclamate del dramma erano come la madre di Bernarda nella casa di Bernarda di Lorca e come la duchessa di York nel Riccardo III di Shakespeare, diretto di Alf Sjöberg; entrambi 1947 (vedi i ritratti di ruolo da quest'ultimo sotto). È apparsa anche nella produzione radiofonica di Ingmar Bergman di The Dutchman per il Radio Theatre di Strindberg, 1947. Come tanti altri attori della sua generazione teatrale protagonisti