Dipartimento di Francia

Article

August 10, 2022

Un dipartimento (francese: si pronuncia département: /de.paʁ.tǝ.mɑ̃/) è un'unità amministrativa francese approssimativamente equivalente a una contea in Svezia. La Francia è divisa in 101 dipartimenti. Un ministero è guidato da un capo dipartimento, corrispondente a un governatore svedese, e da una parrocchia eletta dal popolo, il conseil général. I ministeri sono raggruppati in 13 regioni della stessa Francia e cinque regioni d'oltremare. I ministeri sono divisi in 342 arrondissements. Ci sono anche ministeri in molti altri paesi, sia ex colonie francesi (come la Costa d'Avorio) che altri paesi influenzati dalla Francia.

Storia

Il dipartimento è stato creato nel 1790. Prima di allora, la Francia era stata divisa in province. Molti di loro avevano una grande indipendenza, tra l'altro perché alcuni di loro avevano il permesso reale di eludere alcune leggi, ad esempio in materia di tassazione. Un'altra ragione era che le comunicazioni inadeguate dell'epoca rendevano impossibile alla monarchia, in teoria, autocratica di governare l'intero regno. Con la Rivoluzione francese la situazione politica cambiò. I nuovi governanti intendevano creare un forte potere centrale con l'obiettivo di combattere il sistema feudale. Come parte di questo, sono stati creati 83 ministeri. Il piano prevedeva di dividere il paese in unità quadrate, ciascuna di 5.000 chilometri quadrati. La capitale del Ministero è stata scelta in modo da poter viaggiare avanti e indietro a cavallo in tutti i luoghi in 48 ore. Sebbene la popolazione della Francia sia più che raddoppiata dal 1790, il design dei dipartimenti è cambiato poco. Il 29 marzo 2009, poco più del 95% della popolazione di Mayotte ha votato per diventare il 101° ministero francese nel 2011.

Ex Ministero

(elenco incompleto) Il suo Seine-et-Oise dipartimenti francesi nei Paesi Bassi. Ministero francese dell'Algeria. 91 Algeri 92 Orano 93 Costantino I 130 ministeri creati da Napoleone I.

Vedi anche

Dipartimento (diversi significati)

Riferimenti