Autore

Article

May 22, 2022

Un autore (sulle donne anche autore) è una persona che scrive testi, come romanzi, racconti e articoli. Per autore si intendono principalmente scrittori che scrivono narrativa secondo il dizionario dell'Accademia svedese; Gli scrittori di altra letteratura - principalmente in epica - sono chiamati, tra gli altri, scrittori, giornalisti e informatori. Oltre a denotare la paternità di tutti i tipi di scritti, la parola autore è ora utilizzata anche per la professione di scrivere libri come racconti, romanzi e saggistica. Per altri generi ci sono altre designazioni professionali: poesia (poeta, poeta, paroliere), dramma (commediografo), kåserier (kåsör), cronache (colonista), articoli di notizie (giornalista, reporter) e fumetti (creatore di fumetti, scrittore di fumetti ). Per diventare un membro dell'Associazione degli scrittori svedesi, devi aver pubblicato almeno due libri ed esistono requisiti di accesso simili per organizzazioni simili in altri paesi.

Etimologia

In diverse lingue, vengono utilizzate parole diverse per il ruolo professionale (scrittore, Schriftsteller) e l'autore (autore, Verfasser / Autor). In svedese ci sono due prestiti dal tedesco: autore da Verfasser (för + fatta + are, in svedese dal 18° secolo) e lo scrittore ora meno comune da Schriftsteller. Gli autori svedesi che amano definirsi scrittori sono August Strindberg, Kar de Mumma e Jan Myrdal.

Definizione

Come per molte professioni artisticamente orientate, i confini di chi può definirsi uno scrittore sono fluidi. Il titolo professionale non è protetto, e quindi non esiste una definizione legale, né un ostacolo legale per chiunque possa definirsi autore. Al fine di aumentare il proprio status nella professione in Svezia, esiste l'Associazione degli scrittori svedesi (SFF), che stabilisce i requisiti di qualità per l'adesione, che nel 2011 ammontava a 2.750. L'associazione è stata fondata nel 1893 da Verner von Heidenstam e Hugo Tigerschiöld. Lo stesso vale in molti paesi: la Société des Gens de Lettre in Francia, fondata nel 1838, e la Society of Authors in Gran Bretagna, fondata nel 1884, ne sono due esempi. Gli altri paesi scandinavi hanno associazioni di scrittori quasi contemporaneamente alla Svezia (Norvegia 1893, Danimarca 1894 e Finlandia 1897). Di questi, il 58% erano uomini con un'età media di 59 anni e l'80% viveva in una delle tre contee metropolitane.

Storia

Dall'antichità al XVI secolo

Nell'antica cultura greca, c'era un disprezzo per le scritture che ha portato a scrivere relativamente pochi scritti in quel periodo, con poche eccezioni (Platone, Aristotele). Gli "autori" erano quindi narratori orali che raccontavano le storie di altri narratori. Omero fu uno dei primi a scrivere una storia scambiata, ma è controverso se gli scrittori di storie scambiate possano essere considerati scrittori. Tuttavia, la visione della scrittura dell'Impero Romano era positiva e scrissero molti dei testi greci.Durante il IX secolo sorsero due cicli di scrittori separati, in cui il ciclo scritto era dominato dal mondo monastico e dalle culture di corte mentre il racconto orale la tradizione era forte. Le opere scritte di questo periodo sono quindi principalmente religiose, ad eccezione di Beowulf e della canzone Roland di Chrétien de Troyes. Fu solo nel Rinascimento in Italia che la scrittura divenne più universale, e fu anche dove emersero i primi scrittori in senso più letterale, come Dante Alighieri (1265-1321) e Francesco Petrarca (1304-1374). Il grande cambiamento, tuttavia, avvenne con l'arte della stampa nel XV secolo e per la prima volta cominciarono ad apparire scrittori con i loro nomi sulle opere. Inoltre, gli spettacoli hanno iniziato a prendere slancio. La maggior parte degli scrittori, tuttavia, lavorava con il supporto dei mecenati, e quindi aveva tra i loro compiti scrivere omaggi, messaggi di compleanno o epitaffi, ma v