La storia delle idee politiche

Article

June 28, 2022

La filosofia politica è sempre stata una parte importante della filosofia. Grandi contributi sono stati dati da famosi filosofi nel corso della storia, come Platone, Aristotele, Niccolò Machiavelli, John Locke, Hegel e Karl Marx. La storia delle idee politiche fa parte della materia accademica storia delle idee, ma è studiata anche da chi legge di politica, filosofia pratica e diritto.

Antichità

Con Socrate e Platone, la filosofia matura in un sistema più ampio. Socrate non ha mai scritto nulla - quello che abbiamo di lui è ciò che è stato scritto da Platone. La teoria del mondo delle idee e, per esempio, la parabola della caverna di Platone sono importanti contributi di Platone. Attraverso i suoi testi, Platone ha contribuito a quasi tutte le aree della filosofia, come l'epistemologia, la filosofia politica, l'etica e la metafisica. Aristotele considerava gli esseri umani per natura esseri politici. Ciò significava che gli esseri umani sono anche esseri sociali e che qualsiasi comprensione del comportamento e dei bisogni umani deve includere considerazioni sociali. Ha anche analizzato il valore dei diversi sistemi politici, ha descritto i loro vantaggi e svantaggi e li ha classificati come monarchia, oligarchia, tirannia, democrazia e repubblica.

Il Medioevo

La filosofia medievale è solitamente definita come filosofia il tempo tra Agostino (350 dC) e Guglielmo di Ockham (1350 dC).La filosofia medievale che ha avuto origine da Platone e Aristotele ha avuto la sua prima fioritura nella filosofia musulmana per poi avere il suo centro in Europa e oltre il tempo passa dall'avere Platone e il neoplatonismo al centro all'avere Aristotele come autorità e ispirazione. Tra i contributi più interessanti che il Medioevo diede alla filosofia politica vi sono la teoria dello stato di Dio di Agostino e le riflessioni sullo stato di natura di Tommaso d'Aquino. Nell'opera De civitate dei, Agostino spiega la sua teoria dello stato. Secondo lui esistono due tipi di stati: lo stato di Dio (civitas dei) e lo stato secolare (civitas terrena). Lo stato di Dio era lo stato di perfezione che precedeva la Caduta. Dopo la caduta, sorsero gli stati mondani, che sono imperfetti e perituri. Agostino definisce uno stato come "una comunità di esseri razionali (cioè umani) che si tengono insieme in un comune accordo sulle cose che amano". Questo concetto permette ad Agostino di dividere gli stati mondani in stati buoni e cattivi, decisivo è quali oggetti d'amore sono "tenuti insieme in un comune accordo". Uno stato buono mette al primo posto i veri oggetti d'amore (Dio, il prossimo, ecc.), mentre uno stato cattivo si concentra sulle cose terrene e materiali. Il passare del tempo dalla caduta al giorno del giudizio, secondo Agostino, è il corso della storia. Nel Giorno del Giudizio, il mondo come lo conosciamo perirà e lo Stato di Dio risorgerà. Le persone che sono state scelte da Dio per la salvezza popoleranno per sempre lo Stato di Dio. Non ci saranno quindi differenze di rango e status; signori e schiavi, poveri e ricchi vivranno allo stesso modo. Lo stato secolare e le sue differenze di classe furono una conseguenza necessaria della Caduta, e quindi scompariranno dopo il Giorno del Giudizio.

Il Rinascimento e l'Illuminismo

La filosofia politica è stata influenzata dal Rinascimento e dall'Illuminismo. Dietro la Rivoluzione francese e la Rivoluzione americana non c'erano solo cause materiali (vedi marxismo). I filosofi avevano fornito una teoria su come l'individuo libero dovrebbe vivere in una società buona e giusta. François Voltaire, Jean-Jacques Rousseau e John Locke erano tutti filosofi dell'Illuminismo che, attraverso i loro contributi alla filosofia politica, hanno fornito una base teorica per le rivoluzioni e i diritti umani nella società di quel tempo. Thomas Hobbes potrebbe non aver dato un contributo positivo a questo sviluppo, ma era comunque un importante filosofo politico. Edmund Burke ha sostenuto i torti della Rivoluzione francese e le cose più sane della Rivoluzione americana sulla base di un concerto