Copyleft

Article

June 26, 2022

Copyleft è un gruppo di licenze per software libero (essenzialmente lo stesso dell'open source) e altre opere culturali libere (una forma di contenuto aperto), che consentono all'utente ampi diritti di modificare e distribuire un'opera fintanto che viene eseguita nei termini originari. Il copyleft differisce dalle licenze aperte più consentite in quanto il distributore dell'opera (in forma originale o modificata) deve farlo alle stesse condizioni di copyright, e quindi "pagare" il contributore originale condividendo i suoi miglioramenti. Significato e licenze Copyleft significa che il detentore del copyright concede a tutti i destinatari/utenti/utenti il ​​diritto irrevocabile di distribuire liberamente (inclusa la vendita) e modificare l'opera, a condizione che anche queste copie e varianti siano coperte dalla stessa licenza al momento della distribuzione. Per il software, è essenziale che la licenza presupponga che tutti gli utenti abbiano accesso al codice sorgente. La stessa parola copyleft è un gioco di parole sul copyright (in inglese per copyright). Il suffisso "right" in questo caso significa giusto o giusto, ma può anche significare giusto. È sostituito da "sinistra" che significa sinistra o sinistra. Per rendere un programma un copyleft, devi avere il diritto di concedere in licenza il programma e specificare i termini di distribuzione che danno a tutti il ​​diritto di utilizzare, modificare e ridistribuire il codice sorgente del programma o qualsiasi altro programma derivato da esso, a condizione che i termini di distribuzione rimangano invariati . Così, il codice e le sue libertà diventano legalmente inseparabili.Si può distinguere tra copyleft forte e copyleft debole, dove la differenza è come i programmi proprietari possono chiamare il programma copyleft. In caso di debole copyleft, il programma proprietario può essere scritto per essere collegato al programma copyleft, cioè usarlo come libreria di programmi. In caso di copyleft forte, il chiamante deve utilizzare un'interfaccia di programmazione di livello superiore (API) o una che non sia univoca per il programma copyleft. Alcuni esempi di licenze software che utilizzano copyleft sono GNU General Public License (GPL, copyleft forte), GNU Lesser General Public License (copyleft debole), Mozilla Public License e Q Public License. Un esempio di codice sotto GPL è il kernel Linux. Ci sono anche licenze di software libero che non sono copyleft: come quelle usate dal sistema X Window e dal sistema operativo BSD. Il materiale rilasciato con queste licenze è certamente gratuito, ma le licenze consentono di utilizzare il codice per il software distribuito con altre licenze. Copyleft mira alla massima libertà possibile per tutti gli utenti in futuro, mentre queste licenze successive danno maggiore libertà ai primi destinatari del lavoro. Esempi di licenze copyleft per opere non software, spesso chiamate Open Content Licenses, sono alcune licenze Creative Commons (CC-SA e CC-BY-SA) e la GNU Free Documentation License. Esiste anche una licenza Free Art che può essere utilizzata su opere d'arte.

Storia

Un primo esempio di Copyleft è stato il progetto Tiny BASIC, iniziato in una newsletter per la People's Computer Company nel 1975. Dennis Allison ha scritto una specifica per una versione semplice del linguaggio di programmazione BASIC. Questa costruzione non supportava le stringhe di testo e utilizzava solo numeri interi. L'obiettivo del programma era di adattarsi a 2 o 3 kilobyte di memoria. Il concetto è stato introdotto da Richard Stallman nel 1984. Il copyleft è stato applicato per la prima volta alla distribuzione del software, ma oggi viene utilizzato in molte altre aree. Il termine copyleft deriva dalla frase "Copyleft - tutti i diritti invertiti", formulata per la prima volta da Don Hopkins. in una lettera a Stallman 1984. Era una parodia della più comune dicitura "Copyright - tutti i diritti riservati".

Utilizzo del copyleft

La pratica comune per l'utilizzo del copyleft consiste nel codificare le condizioni di copia per un lavoro con uno