Archeologia

Article

August 15, 2022

Archeologia (dal greco archaiologia "sapere antico", da archaios "antico", "antico"), la conoscenza della preistoria umana, cioè dell'epoca in cui non è disponibile alcun testo scritto. L'archeologia è lo studio degli animali e della cultura materiale umana, ovvero lo studio dei loro resti o manufatti. Al giorno d'oggi, c'è anche l'archeologia storica o l'archeologia medievale, che è lo studio della cultura materiale durante i tempi storici. Solitamente l'area è suddivisa nelle seguenti sotto-discipline; archeologia storica (dopo l'arte della scrittura), archeologia preistorica (prima dell'arte della scrittura), archeologia classica (Grecia e Roma), Egittologia (Egitto), assiriologia (il Medio Oriente prima dell'Islam), archeologia islamica (il Medio Oriente dopo l'Islam ) e l'osteologia storica. Tuttavia, la suddivisione dell'area in queste discipline è di scarsa importanza per l'archeologo professionista che non lavora in un'università. Come materia universitaria, l'archeologia divenne una materia separata nel corso del XIX secolo. Nel 1818, Caspar Reuvens fu nominato primo professore di archeologia al mondo presso l'Università di Leida nei Paesi Bassi. Hans Hildebrands del 1866 è solitamente considerato la prima tesi archeologica in Svezia. Oscar Montelius presentò il suo nel 1869. Nel 1914 fu istituita la prima cattedra di archeologia presso l'Università di Uppsala, dove Oscar Almgren divenne il primo titolare della cattedra. Fu presto seguita da una cattedra all'Università di Lund nel 1919, con Otto Rydbeck come primo titolare.

Teoria archeologica

Fin dall'inizio, la teoria archeologica è stata in larga misura subordinata alle prospettive storiche scritturali (in Scandinavia spesso la storia delle fiabe). Non mostra chiare formazioni scolastiche indipendenti prima della metà del XIX secolo, quando fu formulata l'archeologia storico-culturale. Questa è rimasta la prospettiva prevalente fino agli anni '60. Alla fine degli anni '60, un certo numero di giovani, soprattutto archeologi americani, come Lewis Binford, si opposero all'archeologia storico-culturale. Credevano che l'archeologia avrebbe usato metodi più scientifici e antropologici con la verifica delle ipotesi. La chiamarono "Nuova Archeologia" e divenne comunemente nota come archeologia procedurale. Durante gli anni '80, è emersa una nuova direzione, l'archeologia post-procedura, rappresentata, tra gli altri, dagli archeologi britannici Ian Hodder, Michael Shanks e Christopher Tilley. Hanno messo in dubbio il focus dell'archeologia procedurale sulla scienza e l'obiettività. Invece, hanno sottolineato l'importanza del relativismo e delle prospettive umanistiche. In poche parole, New Archaeology aveva voluto scoprire cosa mangiavano le persone prima, mentre quella post-processuale si concentrava sul simbolismo sociale delle padelle. Quest'ultimo, a sua volta, è stato criticato dagli archeologi procedurali per mancanza di rigore scientifico. Il dibattito è ancora in corso. L'archeologia postprocessuale è uniforme in misura ancora minore rispetto ad altre teorie e si può dire che sia piuttosto disparata. L'archeologia postcoloniale si occupa principalmente dei problemi creati dal colonialismo, dove gli archeologi occidentali rivendicavano la precedenza interpretativa sui gruppi etnici colonizzati. La teoria archeologica ora prende in prestito da un ampio campo che comprende la teoria evoluzionistica, la fenomenologia, il postmodernismo, la teoria degli agenti, la scienza cognitiva, il funzionalismo, la teoria del genere, l'ermeneutica, la teoria femminista e la teoria dei sistemi. Questi diversi orientamenti si influenzano continuamente a vicenda e il singolo archeologo può trovare difficile, se non impossibile, determinare in modo restrittivo l'appartenenza all'uno o all'altro orientamento.

Pratica archeologica

Si può dire che l'archeologia sul campo si svolge in due forme: inventario e scavo. Fin dal XVII secolo, sono stati effettuati scavi con l'obiettivo di studiare l'antichità. Tuttavia, lo scavo moderno è spesso piuttosto high-tech e oggi vengono spesso utilizzate apparecchiature di rilevamento digitale. Anche i grandi escavatori sono ausili comuni accanto a pale, mestoli da taglio e coltelli in spugna