L'isolamento sociale in una pandemia

Article

June 25, 2022

L'isolamento sociale in una pandemia o il sequestro protettivo è la separazione forzata dall'ambiente sociale e la cessazione dei contatti con altre persone, a cui fanno ricorso alcune autorità sanitarie per fermare l'ulteriore diffusione della pandemia di malattie infettive e salvare vite umane in pericolo gruppi (anziani e malati cronici). È chiaro che l'isolamento sociale è forse il modo più efficace per le persone non infette di evitare di contrarre la malattia. Ma l'isolamento ha anche i suoi effetti collaterali perché porta a grandi cambiamenti nello stile di vita, nelle operazioni commerciali, nell'istruzione, nell'assistenza sanitaria, nella partecipazione a eventi pubblici e nelle interazioni sociali, che gli individui trovano estremamente difficili da tollerare, come dimostrano gli esperimenti degli psicologi sociali. La solitudine e la depressione possono diventare un vero problema se non si comunica con gli altri durante l'isolamento sociale, che richiede che ogni individuo si prenda cura della salute mentale. Questo può essere evitato socializzando regolarmente all'interno della famiglia, socializzando con gli animali domestici o mantenendo un contatto sociale con gli altri. Parla con amici e parenti al telefono, leggi libri durante il giorno o fai videochiamate per non isolarti troppo.

Terminologia

Il termine isolamento sociale o "sequestro protettivo" coniato da Howard Markel e dai suoi colleghi nel loro articolo che descrive i successi e i fallimenti di diverse comunità negli Stati Uniti nel tentativo di proteggersi dalla pandemia di influenza spagnola del 1918-1920 durante la seconda ondata di quella pandemia (settembre - dicembre 1918) Il termine evita l'uso della parola isolamento dei pazienti infetti, o quarantena, che in sanità pubblica si riferisce alla detenzione volontaria o forzata di una persona che potrebbe essersi infettata a causa del contatto effettivo o possibile con un agente patogeno e quindi trasmettere la malattia ad altre persone. La durata della quarantena è determinata dal tempo di incubazione dell'infezione (il tempo che intercorre tra l'assunzione dell'agente infettivo e lo sviluppo di segni o sintomi della malattia causati da un agente eziologico).

Vantaggi e svantaggi

Vantaggi Il vantaggio del sequestro o dell'isolamento protettivo è che protegge le persone selezionate dalle infezioni e alla fine "acquista loro tempo" per alleviare la pandemia e lo sviluppo e la distribuzione di farmaci o vaccini. Rilanciare la vita familiare che era in pericolo perché le persone erano legate al lavoro, ora che sta cambiando, i bambini sono a casa. I genitori che non devono lavorare sono a casa o lavorano da casa. È un'opportunità per rilanciare i rapporti all'interno della famiglia stessa e può anche influenzare l'aumento della natalità. Svantaggi I principali svantaggi del sequestro o dell'isolamento protettivo includono: elitarismo e notevole costo sociale ed economico, il fatto che le persone in isolamento non hanno l'opportunità di sviluppare un'immunità acquisita naturalmente a contatto con un agente patogeno infettivo, e quindi rimangono suscettibili all'agente causale durante successive ondate di epidemie o pandemie, comparsa nel primo periodo (fino a circa un mese) di tensione, paura e panico, verificarsi di un periodo di crisi dopo 30 e/o 45 giorni, quando possono manifestarsi alcune forme di stati depressivi e persino il suicidio.

Esempio di isolamento sociale nella pandemia di Kovid-19

Mentre il coronavirus continua a diffondersi, sempre più aziende inviano dipendenti a lavorare da casa. Le scuole pubbliche stanno chiudendo, le facoltà tengono lezioni online, i grandi eventi vengono cancellati e le istituzioni culturali chiudono i battenti. Le persone di età superiore ai 65 anni sono poste in isolamento sociale, così come l'intera popolazione, ad es. in Serbia una parte della giornata (dalle 20:00 alle 5:00). L'interruzione della vita quotidiana di molti residenti a livello globale è reale e significativa, ma lo sono anche i potenziali benefici della vita. L'idea è quella di aumentare la distanza sociale in modo da rallentare l'ulteriore diffusione del virus, in modo che in pochi giorni non si abbia un salto enorme nel numero di pazienti in una volta. Se ciò accadesse, non ci sarebbero abbastanza letti d'ospedale o letti meccanici