21 novembre

Article

February 8, 2023

Il 21 novembre (21 novembre) è il 325° giorno dell'anno nel calendario gregoriano (326° negli anni bisestili). Mancano 40 giorni alla fine dell'anno.

Eventi

1386 - Tamerlano cattura e saccheggia la capitale georgiana, Tbilisi, catturando il re Bagrat V. 1783 - I francesi Francois Pilater de Rosie e Francois Laurent effettuano con successo il loro primo volo in mongolfiera, sorvolando Parigi per 8 km in 25 minuti. 1806 - Napoleone Bonaparte annuncia il decreto di Berlino sul blocco della Gran Bretagna, con il divieto di attracco delle navi britanniche in tutti i porti europei. 1877 - Thomas Edison inventa il fonografo. 1916 - Una nave passeggeri e l'HMHS Britannic Hospital affondano in 55 minuti al largo dell'isola di Kea in Grecia, dopo essere stati colpiti da una mina o silurati. Dei 1.065 passeggeri a bordo, 30 sono stati uccisi e 1.035 sono stati salvati. 1937 - Viene fondata l'Accademia di musica di Belgrado. Nel 1973 ha ricevuto lo status di facoltà. 1938 - La Germania occupa i Sudeti in Cecoslovacchia e si unisce al Reich tedesco. 1963 - Il Concilio Vaticano II cattolico romano approva l'uso delle lingue locali nei riti ecclesiastici al posto del latino. 1974 - Un'esplosione in due pub nella città inglese di Birmingham uccide 21 repubblicani irlandesi e ne ferisce 162. 1977 - Un ciclone uccide circa 3.000 persone nel sud-est dell'India, provocando enormi ondate che spazzano via interi villaggi. 1994 - Un attacco aereo della NATO con 36 bombardieri da basi in Italia attacca l'aeroporto di Udbina. L'attacco ha fatto seguito a una lettera del presidente croato Franjo Tudjman alle Nazioni Unite, che accusava i serbi di Krajina di aver attaccato la Bosnia ed Erzegovina dall'aeroporto. La più grande operazione aerea della NATO dalla sua fondazione, 1949. 1995 - L'Argentina estrada in Italia l'ufficiale nazista Erich Pribke, responsabile del massacro di 335 civili nella seconda guerra mondiale. Dopo tre settimane di trattative, presso la base militare Wright-Peterson di Dayton, USA, i presidenti di Croazia, Bosnia-Erzegovina e Serbia, Franjo Tudjman, Alija Izetbegovic e Slobodan Milosevic, hanno siglato un accordo di pace che pone fine alla guerra in BiH. villaggio di Konculj, in cui sono stati uccisi quattro membri delle forze di sicurezza serbe, scontri tra albanesi armati e forze serbe nella Ground Zone