Montenegrini (persone)

Article

August 11, 2022

I montenegrini sono un popolo slavo meridionale che vive principalmente in Montenegro, dove costituiscono la maggioranza relativa della popolazione (circa il 45%). Ce ne sono circa 350.000 in totale, di cui 278.865 vivono in Montenegro secondo i risultati del censimento del 2011. Sono per lo più di fede ortodossa e, secondo la dichiarazione del censimento, parlano montenegrino o serbo. Al di fuori del Montenegro come paese d'origine, sono riconosciuti come minoranza nazionale nei paesi vicini di Serbia, Bosnia ed Erzegovina e Croazia. Durante l'esistenza dell'ex Jugoslavia, erano una delle sue nazioni costituenti. Al di fuori della regione, parte dei montenegrini nazionali vive nella diaspora, principalmente nei paesi dell'Europa occidentale e del Nord America.

Nome

Il nome dei montenegrini nazionali è stato creato aggiungendo al termine generale montenegrini un altro significato nazionale molto speciale, che nel suo significato basilare, cioè demoniaco, si riferisce agli abitanti del Montenegro, il che ha conferito al termine citato una funzione aggiuntiva oltre alla sua originaria funzione dei demoni nome nazionale. Di conseguenza, i montenegrini nazionali di oggi condividono il loro nome con altri portatori del nome montenegrino, e soprattutto con i serbi in Montenegro, che sono sempre stati chiamati montenegrini nel loro senso nativo, come vengono chiamati oggi. I dibattiti tra nazionalisti serbi e montenegrini sul diritto di usare il nome montenegrino testimoniano che entrambe le parti, ciascuna dal proprio punto di vista, sono molto legate al termine montenegrino, che una parte usa nel suo significato originario, e l'altra nella sua senso nazionale. Durante i suddetti dibattiti, nella lingua serba sono apparsi nomi gergali o peggiorativi per i montenegrini nazionali, di cui il termine Milogorci' è più spesso usato nei discorsi pubblici. Il nome è stato coniato dopo il nome personale di Milo Đukanović, basato sul termine leggermente più antico Titogorci, che un tempo era coniato dal nome di Josip Broz Tito. Nello stesso contesto vengono utilizzati anche altri nomi gergali, come montenegrini o novoducliani. Ad esempio, il metropolita Amfilohije ha ripetutamente affermato che i suoi oppositori in Montenegro non sono montenegrini, ma "montenegrini" e "montenegrini". L'uso diffuso dei termini citati è interpretato dal punto di vista della sociolinguistica come prova dell'esistenza di identità irrisolte problemi nel paese.