Francesco II, imperatore del Sacro Romano Impero

Article

August 16, 2022

Franz II (tedesco Franz II, 12 febbraio 1768 - 2 marzo 1835) era un sovrano della dinastia degli Asburgo, l'ultimo imperatore del Sacro Romano Impero, che governò dal 1792 al 1806. Come Francesco I, fu il primo imperatore d'Austria dal 1804 fino alla sua morte nel 1835. Inoltre fu anche re di Boemia e re d'Ungheria. Nel 1804 Francesco fu proclamato primo imperatore d'Austria. Dopo la sua sconfitta nella battaglia con Napoleone nella battaglia di Austerlitz nel dicembre 1805-1806, ottenne due titoli imperiali e, dopo la definitiva abolizione del Sacro Romano Impero, governò come Francesco I d'Austria. Dopo un'altra sconfitta inflittagli dalle truppe francesi nel 1809, Franz dovette dare in moglie sua figlia Maria Luisa a Napoleone. Tuttavia, l'Austria si unì alla Sesta Coalizione, che alla fine sconfisse Napoleone nel 1814. Il Congresso di Vienna, in cui uno dei ruoli principali era svolto dal ministro confidenziale di Franz Metternich, creò la Confederazione tedesca, presieduta dall'imperatore d'Austria. Ciò ha confermato il predominio dell'Austria tra gli stati tedeschi disuniti.

Infanzia e crescita

Francesco II nacque a Firenze nel 1768, dove suo padre Leopoldo II d'Asburgo fu Granduca di Toscana dal 1765 al 1790. Sua madre era Maria Luisa di Spagna il cui padre era il re Carlo III di Spagna. In Toscana trascorse un'infanzia felice insieme alle sorelle e ai fratelli fino al 1784, quando fu inviato alla corte di Vienna con lo zio Giuseppe II per prepararsi al futuro sovrano della monarchia asburgica (lo zio Giuseppe non aveva figli a cui succedere lui, così Franz divenne l'erede al trono). A differenza della vita di corte in Toscana, Franz dovette osservare la rigida disciplina impostagli dallo zio alla corte di Vienna. Giuseppe II una volta scrisse che Franz era "dietro lo sviluppo" e che era "nient'altro che un monello viziato". I metodi di Josef erano spaventosi e sgradevoli. Il giovane Franz era spesso isolato dal resto del mondo per guadagnare la fiducia che suo zio diceva di non avere. Alla fine fu mandato in un collegio militare in Ungheria dove il giovane Franz si adattava bene. Nonostante tutte queste misure severe e un po' crudeli, Franz ammirava suo zio Josef più di quanto non lo temesse. Dopo la morte di Giuseppe II salì al trono il padre di Francesco, Leopoldo, di cui era capo del consiglio