tacchino

Article

June 25, 2022

La Turchia (turco: Türkiye), ufficialmente Repubblica di Turchia (turco: Türkiye Cumhuriyeti), è un paese transcontinentale situato principalmente nella penisola anatolica nell'Asia occidentale e una piccola parte nella penisola balcanica nell'Europa sudorientale. La Tracia orientale, parte della Turchia in Europa, è separata dall'Anatolia dal Mar di Marmara, dal Bosforo e dai Dardanelli (chiamati collettivamente Mari Turchi). La Turchia confina a nord-ovest con Grecia e Bulgaria, a nord-est con la Georgia, a est con l'Armenia, l'enclave azera di Nakhchivan e Iran, a sud-est con Iraq e Siria, a nord con il Mar Nero, a nord con il Mar Mediterraneo. a sud e il Mar Egeo a ovest. Attraverso il Mar Nero ci sono Romania, Ucraina e Russia, e attraverso il Mediterraneo ci sono Cipro, Libano, Israele, la Striscia di Gaza (Territori palestinesi), Egitto e Libia, sebbene nessuno di questi paesi condivida un confine terrestre con la Turchia. Istanbul è la città più grande del paese, mentre Ankara è la capitale. Circa il 70-80 percento dei cittadini si identifica con i turchi, mentre i curdi sono la più grande minoranza nazionale con il 15-20 percento della popolazione. Questa zona fu abitata da varie civiltà come assiri, greci, traci, frigi, urarti e armeni. L'ellenizzazione iniziò al tempo di Alessandro Magno e continuò in epoca bizantina. I Selgiuchidi iniziarono a stabilirsi nell'XI secolo e la loro vittoria sui Bizantini nella battaglia di Manzikert nel 1071 segnò l'inizio e la fondazione della Turchia. Il sultanato rumeno governò l'Anatolia fino all'invasione mongola nel 1243, quando si disintegrò in piccoli principati turkmeni. Alla fine del XIII secolo, gli Ottomani iniziarono a unire questi principati turchi. Dopo che Mehmed II conquistò Costantinopoli nel 1453, l'espansione ottomana continuò durante il regno di Selim I. Durante il regno di Solimano il Magnifico, l'impero ottomano comprendeva la maggior parte dell'Europa sudorientale, dell'Asia occidentale e dell'Africa settentrionale e divenne una potenza mondiale. Nei secoli successivi lo stato entrò in un periodo di decadenza, con la progressiva perdita di territori e guerre. Al fine di rafforzare le indebolite basi sociali e politiche dell'impero, Mahmud II iniziò un periodo di modernizzazione all'inizio del XIX secolo, portando riforme in tutti i settori dello stato, compresi l'esercito e la burocrazia, con l'emancipazione di tutti i cittadini.