Luce

Article

December 7, 2022

Il mondo (ijek. Svijet) è un nome comune per l'intera civiltà umana, in particolare l'esperienza umana, la storia o la condizione umana in generale, in tutto il mondo, ad es. significa ovunque sulla Terra o che si applica a qualsiasi luogo sulla Terra. Nel contesto filosofico, il termine può riferirsi a: l'intero universo fisico, o mondo ontologico (vedi rivelazione del mondo) In un contesto teologico, il mondo si riferisce solitamente alla sfera materiale o impura, in contrapposizione alla sfera celeste, spirituale, sublime o sacra. "La fine del mondo" si riferisce a scenari della fine della storia umana, spesso in contesti religiosi. La storia del mondo è spesso intesa come una serie di grandi eventi geopolitici per un periodo di circa 5 millenni, dalla prima civiltà al presente. La popolazione mondiale è la somma di tutte le popolazioni umane in un dato momento; allo stesso modo, l'economia mondiale è la somma di tutte le economie di tutte le società (tutti i paesi), soprattutto nel contesto della globalizzazione. Termini come campionato del mondo, prodotto lordo mondiale, bandiere del mondo, ecc. si riferiscono anche alla somma o combinazione di tutti gli stati sovrani di oggi. In termini come religione mondiale, lingua mondiale, governo mondiale e guerra mondiale, la parola mondo suggerisce una portata internazionale o intercontinentale e non implica necessariamente la partecipazione del mondo intero. In termini come mappa del mondo e clima mondiale, la parola mondo è usata in un senso separato dalla cultura o civiltà umana, riferendosi fisicamente a un paese prigioniero.

Il mondo in filosofia

In filosofia, il termine mondo ha diversi significati possibili. In alcuni contesti, si riferisce a tutto ciò che crea la realtà o l'universo fisico. In altri, può essere un significato ontologico specifico (vedi Disclosure of the World). Sebbene chiarire il concetto di mondo sia sempre stato probabilmente tra i compiti fondamentali della filosofia occidentale, sembra che questo argomento sia stato sviluppato esplicitamente solo all'inizio del Novecento ed è stato oggetto di molti dibattiti. La domanda su cosa sia il mondo non era affatto profondamente radicata. Paramenide L'interpretazione tradizionale dell'opera di Paramenide è che sostenne che la percezione quotidiana della realtà del mondo fisico è sbagliata e che la realtà del mondo è "un essere": un tutto immutabile, ingenerato e indistruttibile. PlatoneU