Armi nucleari

Article

August 16, 2022

Le armi nucleari sono armi di grande potere distruttivo, significativamente più potenti dei più potenti esplosivi convenzionali. Tali armi sono in grado di distruggere o danneggiare gravemente l'intera città, e ucciderebbero o ferirebbero anche la maggior parte della popolazione, mentre le radiazioni rimarrebbero lì per decenni. La popolazione superstite rimasta in quelle città sarebbe stata irradiata e condannata a una lenta estinzione tra terribili tormenti. In modo che le armi nucleari superino di gran lunga nelle loro caratteristiche tutte le armi conosciute che sono state prodotte fino ad oggi. Nella storia della guerra, le armi nucleari sono state usate solo due volte, entrambe durante gli ultimi giorni della seconda guerra mondiale. Il primo evento avvenne la mattina del 6 agosto 1945, quando gli Stati Uniti sganciarono una bomba atomica sulla città giapponese di Hiroshima, il cui nome in codice era Malisha. Questa bomba è stata realizzata sulla base della reazione di fissione nucleare dell'uranio 235. La fissione significa la fissione del nucleo nucleare. Il secondo evento ebbe luogo tre giorni dopo, quando fu gettata nella città giapponese di Nagasaki, che aveva il nome in codice Debeljko. Questa bomba era fatta di plutonio 239. Fusione significa la fusione di un nucleo nucleare. Poiché è stato costruito in modo diverso dalla bomba all'uranio sganciata su Hiroshima, la potenza della sua esplosione è stata 1,5 volte superiore. Si stima che in quegli attacchi morirono 129.000 persone e che il doppio delle conseguenze dirette: radiazioni, fame, ustioni, ecc. Settant'anni dopo l'attacco, le persone continuano a morire per gli effetti delle bombe atomiche, perché è stato scoperto che i sopravvissuti hanno un numero superiore alla media di persone che soffrono di cancro e ipertensione.

Storia

La possibilità di ottenere un'enorme quantità di energia dalla scissione degli atomi è stata ipotizzata per decenni, grazie alle scoperte nel campo della fisica, ma nessuna ricerca seria è stata avviata. Tutto iniziò nel 1896, quando Henri Becquerel scoprì la radioattività dell'uranio. Il passo successivo fu compiuto da Marie e Pierre Curie nel 1902, quando isolarono un elemento radioattivo chiamato radio. Tre anni dopo, Albert Einstein pubblicò la sua teoria della relatività. Secondo la sua teoria, se potessimo trasformare la massa in energia, otterremmo grandi quantità di energia liberata. Il prossimo grande passo fu fatto da Ernest Rutherford e N.