Mantova

Article

May 25, 2022

Mantova (italiano: Mantova, nel dialetto locale Màntua) è una città nel nord Italia. La città è il centro dell'omonimo distretto di Mantova all'interno della provincia italiana della Lombardia. Mantova è conosciuta come la "città circondata dai laghi". È circondato su tre lati da laghi artificiali creati nel XII secolo. I laghi ricevono l'acqua dal fiume Minkio, che fuoriesce dal Lago di Garda. Mantova è citata nella tragedia di Shakespeare "Romeo e Giulietta". Mantova e la vicina città di Sabioneta sono entrate a far parte del patrimonio mondiale dell'umanità in Italia nel 2008.

Geografia

Mantova si trova a 150 km a sud est di Milano. La città è situata sul fiume Mincio, e in prossimità della sponda settentrionale dell'importante fiume Po, nella parte centrale della Pianura Padana. Una particolarità della città sono tre laghi formati artificialmente del XII secolo, che circondano la città su tre lati. La città si trova in pianura, nota per la sua agricoltura altamente sviluppata.

Storia

La città di Mantova è stata fondata probabilmente intorno al 2000 aC. n. e. sulle rive del fiume Mincio in un'isola che forniva protezione naturale. Nel VI secolo a.C. n. e. c'era un insediamento etrusco. Il nome Mantova deriva dal dio etrusco degli inferi Mantus. Più tardi, la tribù gaelica Kenomani conquistò la città. I romani occuparono Mantova tra la prima e la seconda guerra punica. Il nuovo territorio fu abitato dai reduci di Augusto Ottaviano. Il mantovano più famoso fu Virgilio, che vi nacque nel 70 aC. n. e. Dopo la caduta dell'Impero Romano d'Occidente, Mantova fu sotto Bisanzio, Longobardi e Francesi. Nell'XI secolo divenne proprietà dei Marchesi di Toscana. L'ultima sovrana di quella famiglia fu Matilde di Canosa, detta contessa Matilde. Secondo la leggenda, fu costruito nel 1082. Rotonda di San Lorenzo. Dopo la morte della contessa Matilda Mantova divenne libero comune cittadino, in conflitto con gli imperatori del Sacro Romano Impero nel XII e XIII secolo. Nel 1198 Alberto Pitentino cambiò la direzione del fiume Mincio e creò quattro laghi artificiali (oggi ne restano solo tre) per rafforzare le difese della città. Nelle battaglie dei Guelfi e dei Ghibellini, Pinamonte Bonalkolsi prese il potere nel 1273. Durante il dominio della famiglia Bonalkosi, Mantova divenne una città avanzata e centro d'arte. L'ultimo Bonalkos fu rovesciato nel 1328 da una ribellione, che venne incendiata dai Gonzaga, che presero il potere a Mantova. Sagrađ