Commercio di libri

Article

August 11, 2022

Il bookmaking è una combinazione di conoscenze teoriche e pratiche sul commercio librario (inizialmente manoscritto, poi materiale a stampa) dal punto di vista delle leggi letterarie, sociologiche, economiche e storiche.

Inizio e sviluppo del bookmaking

Forse è più corretto dire che il commercio librario si sviluppò ufficialmente a partire dal XV secolo, sebbene i libri fossero copiati e venduti anche prima, perché è solo dal XV secolo con l'invenzione della stampa che si svilupparono le librerie e il modo di assemblare , l'imballaggio e il trasferimento dei libri sono migliorati. Inoltre, è solo allora che i librai itineranti diventano indipendenti, poiché all'inizio la stessa persona svolgeva le funzioni di editore, tipografo e libraio. Nei successivi cento anni iniziano ad apparire le prime fiere e i libri vengono stampati e venduti in modo più massiccio. Durante questo periodo, le opere furono soggette a censura e alcuni generi (ad esempio l'erotico) furono massicciamente banditi, così come i libri che servivano a diffondere idee che non si adattavano alle autorità dell'epoca. Tale rigida opposizione alla stampa di certi libri era caratteristica del periodo dell'assolutismo. Già con l'emergere delle idee nazionali e civiche nel XVIII e XIX secolo, si cominciarono a stampare manifesti, volantini, pubblicità per le necessità quotidiane (il lavoro, ad esempio), ma anche idee socio-politiche. Pertanto, la censura sta diventando più debole. Nel XIX secolo, in particolare, iniziò a svilupparsi un mercato letterario più libero e tale mercato si adattava sempre più alle esigenze dei lettori. Sempre più divertente: la letteratura educativa per bambini e i romanzi popolari vengono stampati e venduti.

Le tipografie serbe nel XV e XVI secolo

Mentre la tipografia si sviluppò in Europa nel XV secolo, aumentando così la disponibilità di libri, sul territorio della Serbia, a causa dell'arrivo degli ottomani, gli unici centri di cultura erano i monasteri. Le scuole e le istituzioni pubbliche per il popolo serbo non esistevano fino alla prima e alla seconda rivolta serba. Tuttavia, nel XVI secolo c'erano diverse tipografie in Serbia. Una apparteneva a un privato, Radisa Dimitrijević, e le altre chiese si trovavano nei monasteri di Rujno, Gračanica, Mileševa e Mrkšina.

Tipografia del monastero di Rujno

La tipografia di Rujn ha stampato un solo libro, ovvero i Quattro Vangeli, ed è stato avviato anche un libro di preghiere, ma non si sa quando ciò sia avvenuto. I Quattro Vangeli furono completati nel 1537. Fu scritto dal monaco Teodosio. Oggi è settembre uomo