Corazon Aquino

Article

August 11, 2022

Maria Corazon Sumulong Cojuangco Aquino (sp. Maria Corazon Cojuangco Aquino, cinese: 瑪莉亞·柯拉蓉·「柯莉」·許谢哥·艾奎諾; Tarlac, 25 gennaio 1933 — Makati, 1 agosto 2009) è stata la presidente delle Filippine, una sostenitrice di fama mondiale della democrazia, della pace, dei diritti delle donne e delle virtù religiose. È stata eletta 11° Presidente della Repubblica delle Filippine e ha governato dal 1986 al 1992. È stata la prima donna presidente delle Filippine, ma anche la prima donna presidente di un paese asiatico. Ad Aquino è stato diagnosticato un cancro del colon-retto nel 2008; è morta il 1 agosto 2009. I suoi monumenti per la pace e la democrazia sono stati istituiti nella capitale Manila e nella sua provincia natale di Tarlac dopo la sua morte. Suo figlio Benigno Aquino III è diventato presidente delle Filippine dal 30 giugno 2010 al 30 giugno 2016. Per tutta la sua vita, Aquino è stata conosciuta come una devota cattolica romana e parlava correntemente francese, giapponese, spagnolo e inglese, inoltre al suo nativo Tagalog e Kapampangan. È molto rispettata nella comunità diplomatica internazionale ed è stata definita la madre della democrazia.

Biografia

Aquino, che nelle parole della madre era una "normale casalinga", è entrata in politica grazie al marito, il senatore Benigno Aquino II, che nei primi anni '80 si è affermato come il principale oppositore dell'autocratico presidente Ferdinand Marcos. Suo marito è stato ucciso il 21 agosto 1983, non molto tempo dopo essere tornato da un esilio di tre anni negli Stati Uniti. L'opposizione democratica filippina si riunì attorno alla sua vedova e Corazon Aquino si candidò alla presidenza quando Marcos indisse improvvisamente le elezioni alla fine del 1985. Dopo che Marcos si è dichiarato vincitore dopo di loro, Aquino ha rifiutato di accettarlo e ha avviato un'ondata diffusa di manifestazioni in tutto il paese che ha portato alla caduta di Marcos e alla presidenza di Corazon Aquino. Aquino è rimasto presidente delle Filippine fino al 1992. Durante il suo mandato è stata introdotta una nuova costituzione che ha ridotto i poteri del presidente ed è stata introdotta una nuova legislazione a tutela dei diritti umani. Aquino ha anche attuato riforme economiche volte a creare un'economia di mercato, ma ha anche cercato di porre fine ai conflitti di lunga data con la guerriglia musulmana e comunista attraverso negoziati. Durante il suo tempo, le Filippine hanno subito una serie di disastri naturali e la sua amministrazione è stata costantemente minacciata