comunismo

Article

May 25, 2022

Il comunismo è un'ideologia che cerca di stabilire una società senza classi e senza stato basata sulla proprietà congiunta dei mezzi di produzione. Può essere visto come un ramo del più ampio movimento socialista. I marxisti descrissero le prime forme di organizzazioni sociali umane come comunismo primitivo. Tuttavia, il comunismo come obiettivo politico è una presunta forma di futura organizzazione sociale. Ci sono molte correnti all'interno del movimento comunista, tra cui Marxismo, lussemburghese, Bolscevismo, trotskismo, titoismo, eurocomunismo, Leninismo, marxismo-leninismo, comunismo sovietico, stalinismo, maoismo, hodzizam, gioco, comunismo nazionale, comunismo cristiano comunismo religioso anarco-comunismo, e le varie correnti del comunismo di sinistra come varianti più diffuse. Tuttavia, varie propaggini delle interpretazioni sovietiche (che i critici chiamano stalinismo) e maoiste del marxismo-leninismo formano una branca speciale del comunismo che, a differenza di altre, è stata la corrente principale del comunismo nella politica mondiale per la maggior parte del XX secolo. Il trotskismo come corrente rivale non era così popolare.

Dittatura del proletariato

Karl Marx credeva che la società non potesse essere trasformata da un giorno all'altro da una forma di produzione capitalista a una comunista, ma che doveva esserci un periodo di transizione che Marx chiamava dittatura rivoluzionaria del proletariato. Per ora, il concetto di Marx di una società comunista emersa dal capitalismo rimane solo una teoria; infatti, Marx ha lasciato pochissime informazioni su come sarebbe stata effettivamente la società comunista. Il termine "comunismo" era spesso usato per denotare regimi politici ed economici governati da partiti comunisti che sostenevano di essere l'incarnazione della dittatura del proletariato. Alla fine del XIX secolo, le teorie marxiste incoraggiarono l'emergere di partiti socialisti in tutta Europa, sebbene in seguito le loro piattaforme ideologiche fossero molto più vicine all'idea di capitalismo "riformista" con una tendenza indebolita a rovesciare quel capitalismo. L'eccezione era il Partito Operaio Socialdemocratico Russo. Un'ala del partito, comunemente nota come bolscevica, guidata da Vladimir Ilyich Lenin, è riuscita a conquistare il potere in Russia dopo il rovesciamento del governo ad interim in ottobre.