Un biscotto della fortuna

Article

August 16, 2022

Un biscotto della fortuna (biscotto della fortuna) è un biscotto croccante solitamente a base di farina, zucchero, vaniglia e olio con un pezzo di carta. Il messaggio all'interno del biscotto della fortuna può contenere una predizione del futuro, un aforisma, una frase cinese con una traduzione o una serie di numeri fortunati. Il biscotto della fortuna è spesso servito come dessert nei ristoranti cinesi. In alcuni paesi sono molto popolari e sono diventati parte della cultura generale. L'origine esatta dei biscotti della fortuna non è chiara. Sono apparsi in California con l'arrivo degli immigrati e sono diventati famosi all'inizio del XX secolo.

Storia

I biscotti della fortuna sono originari del Giappone, non della Cina o dell'America. L'opinione più comune è che i biscotti della fortuna siano originari della Cina, a causa del fatto che vengono serviti nei ristoranti cinesi in America. Tuttavia, non ci sono biscotti della fortuna nei veri ristoranti cinesi, né esiste alcuna documentazione storica di una cosa del genere in Cina. I biscotti della fortuna in realtà sono originari del Giappone. Durante una delle sue ricerche, Yasuko Nakamachi ha incontrato un cracker a forma di biscotto della fortuna chiamato "Tsujiura Senbei" che è stato fatto a mano in una panetteria vicino a un santuario shintoista vicino a Kyoto, in Giappone. Questo "cracker", non solo sembra un biscotto della fortuna, ma contiene anche una predizione, "omikuji", ed è tradizionalmente venduto nei templi e nei santuari. Uno dei primi documenti storici contenenti informazioni su questo biscotto si trova in un'immagine del 1878 che mostra un apprendista fornaio che li prepara in una panetteria. I biscotti del destino sono fatti con farina, zucchero, vaniglia e olio. La versione originale giapponese è realizzata in modo simile, tranne per il fatto che viene utilizzato il sesamo al posto della vaniglia e la pasta di miso al posto del burro. Sono anche tradizionalmente molto più grandi delle versioni odierne vendute in America. L'usanza di mettere un pezzo di carta con un messaggio al loro interno era diffusa in alcune regioni del Giappone e questi messaggi erano spesso inseriti all'interno di dolci. Al giorno d'oggi non si fa più.

Punti di interesse

In America, i primi biscotti della fortuna contenevano citazioni dalla Bibbia o aforismi di Confucio, Ben Franklin, Esopo, ecc. Fino agli anni '40, i biscotti della fortuna erano conosciuti come "torte del tè della fortuna". Edward Lui inventò la prima macchina per piegare i biscotti della fortuna, che in quel momento ha consentito la vendita in massa degli stessi. Prima di allora, tutto veniva fatto a mano.Negli anni '80, il dottor Jongs�