L'evoluzione dell'uomo

Article

August 11, 2022

L'evoluzione umana è un campo multidisciplinare della ricerca scientifica che cerca di comprendere e descrivere l'origine e lo sviluppo della razza umana. L'evoluzione umana comprende altre discipline scientifiche significative come l'antropologia e la genetica umana. Il termine umano, nel contesto dell'evoluzione umana, si riferisce al genere Homo, ma lo studio dell'evoluzione umana comprende solitamente anche gli antenati umani, gli ominidi (che è il termine per la famiglia biologica Hominidae), come l'Australopithecus (genere Australopithecus) .

Paleoantropologia

Si dice che la moderna paleoantropologia abbia inizio con la scoperta dei Neanderthal e le prove di altri "uomini delle caverne" durante il 19° secolo. L'idea che gli esseri umani somigliassero ad alcune grandi scimmie era in circolazione da tempo, ma l'idea dell'evoluzione biologica delle specie non fu formalmente presa in considerazione fino a quando Charles Darwin non pubblicò On the Origin of Species nel 1859. Dato che nel suo primo libro sull'evoluzione non toccò la questione dell'evoluzione umana ("l'origine dell'uomo e il suo sviluppo saranno spiegati più avanti" fu tutto ciò che Darwin scrisse a riguardo), i suoi contemporanei sapevano di cosa stava parlando. Thomas Huxley e Richard Owen dibatterono sull'evoluzione dell'uomo e Darwin pubblicò presto un libro sull'argomento intitolato L'origine dell'uomo, che divenne presto un resoconto noto ma piuttosto controverso della sua teoria.Anche molti dei sostenitori originali di Darwin (come Alfred Russel Wallace e Charles Lyell) rifiutavano l'idea che gli esseri umani potessero sviluppare capacità mentali quasi illimitate e un codice morale attraverso la sola selezione naturale. Fin dai tempi di Linneo si è ritenuto, sulla base della somiglianza morfologica, che le grandi scimmie fossero gli animali più vicini all'uomo. Nel 19° secolo, i gorilla e gli scimpanzé erano considerati i nostri parenti viventi più stretti e, basandosi sul fatto che vivevano in Africa, si presumeva che i fossili dell'antenato dell'uomo si sarebbero sicuramente trovati in Africa e che sia la scimmia africana che l'uomo avere un antenato comune. Tuttavia, fino agli anni '20 del XX secolo, a parte il Neanderthal, non furono trovati altri fossili umani. Nel 1925 Raymond Dart descrisse l '"Australopithecus africano" (Australopithecus africanus). Era un esemplare di una specie conosciuta come Tongan Child, un bambino Australopiteco trovato a Tonga, in Sud Africa. È stato molto tempo