Vesna Bratic

Article

August 17, 2022

Vesna Bratić (Trebinje, 25 maggio 1977) è professore associato presso la Facoltà di Filologia dell'Università del Montenegro. È stata ministro dell'istruzione, della scienza, della cultura e dello sport nel governo di Zdravko Krivokapić.

Biografia

Istruzione e carriera accademica

È nata a Trebinje e ha terminato le scuole elementari e superiori a Bileća. Si è laureata nel 2000 presso il Dipartimento di Lingua e Letteratura Inglese della Facoltà di Filosofia dell'Università del Montenegro a Nikšić. Ha ottenuto un lavoro come assistente alla didattica presso l'Istituto di Lingue Straniere nel 2003. Ha conseguito la laurea magistrale nel 2007 presso la Facoltà di Filologia dell'Università di Belgrado con una tesi in cui ha sviluppato un'analisi comparativa del processo narrativo di Aleksandar Tisma e William Faulkner. Nella stessa facoltà ha conseguito il dottorato nel 2012 con la tesi "Images of America in the works of Sam Shepard and David Memet". Montenegro a Nikšić. È stata eletta professore associato nel dicembre 2018. Parallelamente, insegna inglese presso la Facoltà di Ingegneria Elettrica dell'Università del Montenegro.

Ministro dell'Istruzione, della Scienza, della Cultura e dello Sport

È stata una delle fondatrici dell'organizzazione non governativa "Ne damo Montenegro", fondata nel luglio 2020 da professori universitari in Montenegro guidati da Zdravko Krivokapić. Il 4 dicembre 2020 l'Assemblea del Montenegro l'ha eletta Ministro della Istruzione, scienza, cultura e sport nel governo del Montenegro sotto la presidenza di Zdravko Krivokapić.

Atteggiamenti

Vesna Bratić si dichiara nazionalista serba: Un ragazzo mi ha detto: sei un nazionalista serbo, come se fosse un insulto. Sono. Sono un nazionalista. Serbo. No, diventerò belga. Significa solo che amo la mia gente. A causa del testo del giornalista croato Boris Dežulović "Salva i santi serbi" in cui parla in modo sprezzante del monastero di Ostrog, Vesna Bratić ha definito l'autore una "cittadina, una Šatroljevičar" e una "spazzatura di Ustaša". critica dopo aver pubblicato una foto sul suo profilo Facebook con la descrizione: "Una donna che è donna, anche quando è cetnica".

Riferimenti