Dee

Article

May 25, 2022

Il vaiolo (noto in latino come vaiolo o vaiolo) è una malattia umana contagiosa causata da due tipi di virus del vaiolo chiamati Variola vera major e Variola vera minor. Variola vera major 20-40% delle persone infette e i sopravvissuti spesso lasciano mutilazioni permanenti o cecità . Variola vera minor è una forma più lieve che causa la morte solo nell'1% delle persone infette. Si stima che tra 300 e 500 milioni di persone siano morte di vaiolo nel 20° secolo. In passato, prima che venissero sviluppati farmaci e vaccini moderni, il vaiolo era molto più letale. Tuttavia, hanno svolto il ruolo più importante dopo la scoperta dell'America, quando i nativi del Nord e del Sud America sono entrati in contatto con gli europei che sono stati infettati dal virus del vaiolo. A differenza dei colonizzatori, i nativi non hanno sviluppato l'immunità, il che ha portato a una rapida diffusione della malattia e a un drammatico declino della popolazione indigena, quindi ai colonizzatori europei è stata consentita una penetrazione facile e senza ostacoli in nuove aree.Nel 1977, il virus è stato sradicato nella popolazione umana e ora si trova solo nei laboratori. Le persone non sono più vaccinate contro questo virus, quindi si ritiene che possa essere usato come arma biologica. L'ultimo caso è stato registrato nel 1978.

Descrizione

Il vaiolo è una malattia contagiosa che colpisce solo l'uomo ed è causata da uno dei due tipi di virus, vaiolo e vaiolo. Il nome latino della malattia, Variola o Variola vera, deriva dalla parola latina varius, che significa maculato o varus, che significa brufolo.Il virus del vaiolo attacca i vasi sanguigni della pelle, della bocca e della gola. La pelle si ricopre di una caratteristica eruzione maculopapulare e successivamente di vesciche piene di liquido. V. major provoca una malattia più pericolosa, con un tasso di mortalità del 30 - 35%. V. minor provoca una forma più lieve della malattia, con un tasso di mortalità dell'1%. I pazienti con V. major sviluppano conseguenze a lungo termine, come una caratteristica eruzione cutanea sul viso, nel 65-85% dei sopravvissuti. La cecità dovuta a ulcere corneali e deformità degli arti dovute ad artrite e osteomielite sono meno comuni nel 2-5% dei casi. Si ritiene che il vaiolo sia apparso negli esseri umani all'età di 10 anni. n. e. La prima prova fisica del vaiolo sono tracce di �