Guerre balcaniche

Article

August 16, 2022

Le guerre balcaniche si riferiscono a due guerre combattute nel periodo dal 1912 al 1913. Le guerre balcaniche furono il preludio di un conflitto su larga scala, la prima guerra mondiale. (vedi: Cause della prima guerra mondiale).

Prima guerra balcanica

La prima guerra balcanica (8 ottobre 1912 - 30 maggio 1913) fu combattuta tra gli alleati balcanici (Bulgaria, Serbia, Montenegro e Grecia) e la Turchia. L'Impero Ottomano, già scosso dalla Rivoluzione dei Giovani Turchi nel 1908, fu ulteriormente indebolito nel 1912 dalla guerra contro l'Italia. I paesi balcanici sfruttano questa debolezza della Turchia e iniziano una guerra contro la Turchia con l'obiettivo di liberare i territori dei Balcani che sono sotto il dominio turco. La guerra iniziò l'8 ottobre 1912, quando il Montenegro dichiarò guerra alla Turchia. Il Regno militare di Serbia vinse due importanti vittorie nelle battaglie di Kumanovo e Bitola, che liberò tutta la Macedonia. In meno di due mesi, la Turchia perse territori in quasi tutta l'area del continente europeo, quindi il 4 dicembre 1912 fu stabilita una tregua con tutti gli oppositori, tranne la Grecia. Dopo il rifiuto della Turchia di soddisfare le sue richieste e il colpo di stato del gennaio 1913, la guerra continuò, dove la Turchia perse le fortezze di Edirne, Ioannina e Scutari, nonché la supremazia in mare dalla marina greca, così il 30 maggio 1913 , sotto la mediazione delle Grandi Potenze (Austria-Ungheria, Germania, Francia, Gran Bretagna e Italia), la pace fu stabilita dal Trattato di pace di Londra, secondo il quale la Turchia cedeva agli alleati balcanici tutti i suoi territori a ovest dell'Enos- Linea Midi (costa del Mar Egeo - costa del Mar Nero), così come le isole del Mar Egeo, inclusa Creta. A seguito della prima guerra balcanica, l'Albania fu creata come stato indipendente, su cui l'Austria-Ungheria insistette, a scapito dei paesi vincitori, Grecia, Serbia e Montenegro.

Seconda guerra balcanica

L'insoddisfazione per la divisione dei territori turchi conquistati, in particolare la Macedonia, portò alla seconda guerra balcanica (29 giugno - 10 agosto 1913). Il 29 giugno 1913 un'unità militare bulgara fu ordinata dal generale S. Kočeva ha attaccato le forze serbe sul fiume Bregalnica (la cosiddetta battaglia di Bregalnica) e il 30 giugno le forze greche nell'area di Salonicco. L'esercito greco al comando del re Costantino sconfisse i bulgari nella battaglia di Kukush, dove entrambe le parti subirono pesanti perdite.