Yemen

Article

February 3, 2023

Lo Yemen (in arabo: اليَمَن), o ufficialmente Repubblica dello Yemen (in arabo: الجمهورية اليمنية, al-Jumhūrīyah al-Yamanīyah) è un paese nel sud della penisola arabica nel sud-ovest dell'Asia. Lo Yemen è il secondo paese più grande della penisola, coprendo un'area di 527.829 km2. La lunghezza della costa del mare è di circa 2.000 km. Si affaccia sul Mar Rosso a ovest, così come sul Golfo di Aden e sul Mar Arabico a sud. Confina a nord con l'Arabia Saudita e a est con l'Oman. Sebbene costituzionalmente la capitale sia Sanaa, poiché è sotto il controllo dei ribelli, la capitale è stata temporaneamente trasferita ad Aden. Lo Yemen ha circa 200 isole, la più grande delle quali è Socotra. Il territorio dello Yemen era il Regno di Sabea, uno stato commerciale che esisteva da migliaia di anni e comprendeva, oltre al territorio dell'odierno Yemen, l'Eritrea e l'Etiopia. L'area è del 275 d.C. e. cadde sotto l'influenza del regno ebraico di Khimari. Il cristianesimo arrivò nel IV secolo, mentre l'ebraismo e il paganesimo locale erano già presenti nella zona. L'Islam si diffuse rapidamente nel VII secolo e le forze yemenite furono molto importanti nelle prime conquiste islamiche. Diverse dinastie emersero tra il IX e il XVI secolo e i Rasulidi furono i più forti e avanzati. Il paese fu diviso tra l'impero ottomano e quello britannico all'inizio del XX secolo. Il regno dello Yemen Zeid Mutawakli è stato fondato nello Yemen del Nord dopo la prima guerra mondiale, che è diventato la Repubblica araba dello Yemen dopo il colpo di stato del 1962. Lo Yemen del Sud è rimasto un protettorato britannico fino al 1967. I due stati yemeniti si sono uniti nella moderna Repubblica dello Yemen nel 1990. Dal 2011, lo Yemen è in una crisi politica, a partire dalle proteste di piazza contro la povertà, la disoccupazione, la corruzione e il piano del presidente Saleh di cambiare la costituzione dello Yemen e revocare le restrizioni al suo mandato presidenziale, rendendolo presidente a vita. Il presidente Saleh si è dimesso e il potere presidenziale è stato trasferito al vicepresidente Abd Rabba Mansour al-Hadi, che è stato formalmente eletto presidente il 21 febbraio 2012 in un'elezione a candidato unico. La completa assenza del governo centrale durante questo processo di transizione ha esacerbato diversi conflitti in corso nel paese, come il conflitto armato tra le milizie ribelli Houthi di Ansar Allah e le forze di al-Islam, nonché l'insurrezione