Herman, Zdenek

Article

August 18, 2022

Zdenek Herman (ceco Zdeněk Herman; Libushin, 24 marzo 1934 – Praga, 25 febbraio 2021) è stato un chimico fisico ceco, noto per il suo lavoro sulla spettrometria di massa e la dinamica delle reazioni chimiche.

Biografia

Herman è nato nella città di Libushin vicino a Praga, ha studiato al ginnasio nella città di Kladno. Entrato alla Charles University nel 1952, ha studiato chimica fisica, ha frequentato le lezioni dei rinomati scienziati Rudolf Brdicka e del premio Nobel Yaroslav Geyrovsky. Nel 1957, Herman completò la sua tesi in radiochimica sotto la direzione di František Behounek, di cui da bambino leggeva libri di divulgazione scientifica e di avventura. Dopo essersi laureato all'università, il giovane scienziato andò a lavorare presso l'Istituto di chimica fisica dell'Accademia delle scienze cecoslovacca, con il quale era collegata tutta la sua futura carriera. Qui, sotto la guida di Vladimir Cermak (ceco. Vladimír Čermák), ha iniziato a studiare la spettrometria di massa e nel 1963 ha discusso la sua tesi di dottorato sulle reazioni nella sorgente ionica di uno spettrometro di massa. Nel 1964, Herman ebbe l'opportunità di lavorare negli Stati Uniti e trascorse un anno intero alla Yale University, dove si unì al gruppo del professor Richard Wolfgang (tedesco: Richard L. Wolfgang). Successivamente, tornò più volte all'estero, tra cui nella primavera del 1968 iniziò a lavorare presso l'Università del Colorado a Boulder. Qui fu catturato dagli eventi della "Primavera di Praga" e dal successivo ingresso delle truppe sovietiche in Cecoslovacchia. Sebbene fosse in America con la sua famiglia e ricevesse offerte di soggiorno da diverse università, Herman tornò a Praga l'anno successivo. Avendo lo status di inaffidabile, lo scienziato per qualche tempo ha perso l'opportunità di viaggiare all'estero, gli è stato proibito insegnare e avere più di uno studente laureato alla volta, per non avere "un'influenza indesiderata" sui giovani. Tuttavia, nel 1975 gli è stata concessa una visita all'estero all'anno, nel 1980 ha lavorato come visiting professor presso il Joint Institute for Laboratory Astrophysics negli Stati Uniti e nella seconda metà degli anni '80 ha preso parte al lavoro di il Comitato sui dati atomici e molecolari dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica e lo sviluppo della missione interplanetaria sovietica "Phobos-1". Ricordando i tempi dopo la Primavera di Praga,