Treguier

Article

February 3, 2023

Treguier (fr. Tréguier, Bret. Landreger) è un comune francese, situato nella regione della Bretagna. Dipartimento - Côte d'Armor. La città principale del cantone di Treguier. Distretto del comune - Lannion. Si trova a 50 km a nord-ovest di Saint-Brieuc e 113 km a nord-est di Brest, a 29 km dalla strada statale N12, alla confluenza dei fiumi Jody e Gendy. Capoluogo storico della provincia di Tregor. Popolazione (2019) - 2.416 persone.

Storia

L'emergere dell'insediamento è legato a Saint Tuval, primo vescovo di Treguier dal 542, uno dei Sette Santi dei fondatori della Bretagna. Tudval era figlio del re Hoel il Grande di Armorica e di San Pompei; è nato in Gran Bretagna ed è venuto ad Armorica con la madre. Treguier fa parte di Tro Braise, un pellegrinaggio ai luoghi di sepoltura di tutti e sette i santi fondatori. Non sono rimaste tracce della prima chiesa a doghe di St Tudval; si presume che si trovasse all'incirca nello stesso luogo dell'attuale chiesa e fosse dedicata a Sant'Andrea. Nell'848, il re Nominoe di Bretagna dotò il vescovo Tréguier di terre e la città rimase sede vescovile fino al 1790. Poco dopo iniziarono le invasioni normanne; Treguier sarà distrutto e abbandonato dalla popolazione. Erbacce ed edera crebbero sul suo territorio fino al 970, quando un certo Graziano iniziò a costruire qui una nuova cattedrale, questa volta dedicata a San Tudval. Un altro sacerdote è la causa della fama della città: Ivo di Bretagna, o Ivo di Kermarthen, meglio conosciuto come Sant'Ivo, patrono degli avvocati, nacque intorno al 1253 a Miniy-Tréguier ed era un noto protettore dei poveri. Sant'Ivo morì a Treguier e fu sepolto nella cattedrale di Saint Tudval. Intorno al 1505, la regina Anna di Bretagna fece un pellegrinaggio alla tomba di Sant'Ivo. Durante le guerre di religione, Treguier appoggiò Enrico IV e tra il 1589 e il 1592 fu più volte rovinato dalle truppe della Lega. Tra il XV e il XVIII secolo Treguier fu un importante centro religioso con un gran numero di chiese e cappelle, la maggior parte delle quali non è sopravvissuta fino ad oggi; nel 1625 fu aperto il monastero delle Orsoline, nel 1667 il monastero delle sorelle di Cristo, nel 1782 il monastero delle Paoline. Economicamente e commercialmente, la città si sviluppò male a causa della schiacciante influenza del clero sulla sua vita; ha dato