Treblinka

Article

August 18, 2022

Treblinka (tedesco Treblinka) - due campi di concentramento: Treblinka-1 (il cosiddetto "campo di lavoro") e Treblinka-2 (campo della morte). I campi furono organizzati dai nazisti nella Polonia occupata, vicino al villaggio di Treblinka (Voivodato di Mazowieckie), situato a 80 km a nord-est di Varsavia. Il campo di sterminio di Treblinka-2 è esistito dal 22 luglio 1942 all'ottobre 1943. Secondo varie stime, nel campo furono uccise un totale di 750-810 mila persone (il maggior numero di vittime fu solo nel campo di Auschwitz 2 situato vicino al città polacca di Auschwitz, il più famoso campo di sterminio oggi). La stragrande maggioranza delle vittime (99,5%) erano ebrei polacchi, circa 2.000 erano rom.

Storia del campo

L'ordine di costruire il campo di sterminio di Treblinka fu dato dal SS Reichsfuehrer Heinrich Himmler al capo delle SS del distretto di Varsavia, Arpad Wiegand, il 17 aprile 1942. La costruzione del campo iniziò alla fine di maggio 1942. Il territorio del campo era di 24 ettari, era circondato da una doppia recinzione alta 3 metri, oltre che da un fossato profondo 3 metri. Le prime 3 camere a gas con una superficie di 48 m² sono state costruite secondo lo stesso principio del campo di sterminio di Sobibor. Il 22 luglio 1942 iniziò lo sgombero degli ebrei dal ghetto di Varsavia e dai distretti orientali della regione di Varsavia al campo di Treblinka-I. Nell'agosto-ottobre 1942 furono costruite altre dieci camere a gas con una superficie totale di 320 m². Il personale del campo era composto da 30 membri delle SS e circa 100 Wakhman - tedeschi, russi, ucraini, lituani, bulgari, polacchi, residenti nelle repubbliche sovietiche asiatiche. La maggior parte delle guardie era composta da prigionieri di ex soldati dell'Armata Rossa.Attualmente, gli storici polacchi stanno creando un elenco dei responsabili degli omicidi di Treblinka. Samuel Willenberg, sopravvissuto a Treblinka, ha dichiarato in un'intervista che le guardie erano "uomini delle SS" (SS), ucraini, russi e lituani, e che i primi "si tenevano separati dal resto e li seguivano anche", poiché "non potevano essere lasciati incontrollati ". Dalle vittime fino all'ultimo momento hanno nascosto che la morte li attendeva. Ciò ha permesso nella maggior parte dei casi di prevenire atti di resistenza. Molti ebrei dell'Europa occidentale e centrale arrivarono al campo su normali treni passeggeri (con i biglietti acquistati), aspettandosi che