Presidente della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti

Article

August 18, 2022

Il presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è il capo e presidente della Camera dei rappresentanti, la camera bassa del parlamento americano. L'ufficio di relatore è stato istituito nel 1789 dalla Costituzione degli Stati Uniti. Il presidente della Camera dei rappresentanti è al secondo posto nella lista di successione presidenziale dopo il vicepresidente e prima del presidente ad interim del Senato degli Stati Uniti, essendo, di fatto, la terza persona nella gerarchia del sistema politico degli Stati Uniti. Nel suo incarico, il relatore svolge funzioni organizzative e amministrativo-procedurali, nonché rappresenta direttamente la sua circoscrizione, dalla quale è stato eletto.

Elezione

La Camera dei Rappresentanti elegge un relatore il primo giorno di ogni nuova riunione congressuale. Ciascuno dei partiti presentati nomina un candidato alla carica di capo, l'elezione di un candidato avviene a maggioranza semplice dei voti. Il nuovo oratore eletto presta quindi giuramento dal membro più anziano della Camera dei rappresentanti. Ci si aspetta sempre che i membri del partito votino per il loro candidato, ma ci sono stati casi nella storia in cui ciò non è accaduto. Chi vota per un candidato di un altro partito spesso affronta gravi conseguenze, inclusa la perdita del controllo dei comitati. L'ultimo caso importante di un tale piano si è verificato nel 2000, quando il democratico con sede in Ohio Jim Traficant ha votato per il repubblicano Dennis Hestert; successivamente, i Democratici lo hanno rimosso dall'incarico di dirigente del comitato.

Poteri e responsabilità

Il Presidente è il capo della Camera dei Rappresentanti, e svolge nel suo ufficio diverse funzioni amministrative e importanti funzioni politiche. Il cancelliere e l'ufficiale giudiziario aiutano a condurre le discussioni in camera ea presiederla, svolgendo funzioni amministrative. Le funzioni politiche più importanti del relatore comprendono la partecipazione e la nomina di alcuni membri di importanti comitati. Ha anche il diritto di partecipare alle discussioni e di votare, ma di solito lo fa solo in casi eccezionali. Ciò accade principalmente quando la sua voce diventa decisiva o su questioni di grande importanza (ad esempio, emendamenti costituzionali). Allo stesso tempo, l'altoparlante trasmette spesso St.