Kosovo settentrionale

Article

August 18, 2022

Severnoye Kosovo (Serb. Severno Kosovo / Severno Kosovo, Alb. Kosova Veriore) è il nome non ufficiale di un'area della parte settentrionale del Kosovo, abitata prevalentemente da serbi, mentre nel resto della regione la maggioranza assoluta (oltre il 90%) sono albanesi. La regione è anche chiamata Ibarski Kolashin (Serb. Ibarski Kolašin, Alb. Kollashini i Ibrit), era utilizzata anche prima del conflitto nella regione. Secondo il punto di vista della Serbia, la provincia autonoma del Kosovo e Metohija fa parte della Serbia, pur essendo sotto il protettorato delle Nazioni Unite. Allo stesso tempo, le autorità della Repubblica del Kosovo parzialmente riconosciuta considerano il Kosovo settentrionale come loro territorio, dichiarando l'integrità territoriale del loro stato. In effetti, il Kosovo settentrionale è controllato dal governo municipale secondo la legislazione serba, ma alla Serbia è vietato mantenere le sue forze di sicurezza nell'area e l'area stessa è separata da una dogana e da un confine sorvegliato sia dal territorio principale della Serbia che da quello albanese parte del Kosovo. La valuta principale è il dinaro serbo (nella parte albanese del Kosovo si usa l'euro).

Geografia

Il Kosovo settentrionale è completamente occupato dalle tre comunità settentrionali della regione: Leposavic, Zvecan e Zubin Potok, nonché da una parte relativamente piccola della comunità di Kosovska Mitrovica oltre la sponda settentrionale del fiume Ibar. Anche la città di Kosovska Mitrovica è divisa in parte serba e albanese lungo il fiume Ibar. Il Kosovo settentrionale copre circa 1200 km² o l'11,1% dell'area della provincia. A causa del suo confine con la Serbia, il Kosovo settentrionale non appartiene alle numerose enclavi serbe in Kosovo. Il Kosovo settentrionale è ricco di risorse minerarie e contiene il complesso minerario di Trepca.

Galleria

Storia

Prima della prima guerra mondiale

Il Kosovo settentrionale faceva parte della terra tracio-illirica della Dardania prima della conquista romana nel I secolo. Dopo che l'impero si divise in due metà, divenne parte dell'Impero d'Oriente nel 395 d.C. NS. Nel VII secolo, durante la Grande Migrazione, questo territorio divenne spesso parte di vari stati slavi e serbi. Nell'XI secolo, il nord del Kosovo passò allo stato serbo di Raska, che fu trasformato in regno nel 1217 e nell'impero serbo nel 1346. Con il suo crollo durante l'era del feudalesimo nel 1370, il nord del Kosovo